giovedì 9 aprile 2009

Sui vostri commenti




Cari interlocutori, questo è un blog in cui i commenti vengono moderati. Non c'è accesso automatico.

Per evitare che si sia indotti a sprecare tempo e energie, preciso che vengono rifiutati i commenti che contengano ingiurie, potenzialità di reato, evidenti provocazioni, o stereotipate ripetizioni della disinformazione di regime. Si tratta di un blog che non ha nulla da condividere con chi si manifesta grossolanamente succube o complice della truffa planetaria.

Qui ci si muove a un altro livello e non si ha davvero tempo da perdere.

Tutto il resto è cordialmente benvenuto, argomentazioni, critiche, sarcasmo, eulogie, evidenziazione di sfondoni, purchè in spazi contenuti. Si prega di contenere i commenti nelle 300 parole. Ciao.

5 commenti:

Attila ha detto...

max 300 parole??!!! non capisco perchè si debba limitare eventuali commenti "corposi". E poi come si fa a scrivere commenti contando le parole? :-)

Aride ha detto...

Non condivido, anche se comprendo nel tuo caso, la moderazione dei commenti, quelli firmati ovviamente.
Complimenti per il grande lavoro d'informazione che stai facendo.

donehogawa ha detto...

Grazie per quello che scrivi. Non si sente più nessuno parlare di imperialismo o capitalismo, credevo che la gente come te fosse estinta; ormai la sinistra cosiddetta è diventata conservatrice e clericale.
Sono d'accordo su quello che dici sulla Jugoslavia distrutta perché era il leader dei non allineati e una barriera contro il capitalismo e l'imperialismo. Alcuni commentatori dicono anche che l'Occidente abbia voluto mettere le zampe sulle ricchezze minerarie dl Kosovo oltre a crearsi una via per acceder alle ricchezze petrolifere dell'Unione (ex) Sovietica, o perché i Balcani sono una posizione strategica.
I miei migliori auguri.

donehogawa ha detto...

Grazie per quello che scrivi. Non si sente più nessuno parlare di imperialismo o capitalismo, credevo che la gente come te fosse estinta; ormai la sinistra cosiddetta è diventata conservatrice e clericale.
Sono d'accordo su quello che dici sulla Jugoslavia distrutta perché era il leader dei non allineati e una barriera contro il capitalismo e l'imperialismo. Alcuni commentatori dicono anche che l'Occidente abbia voluto mettere le zampe sulle ricchezze minerarie dl Kosovo oltre a crearsi una via per acceder alle ricchezze petrolifere dell'Unione (ex) Sovietica, o perché i Balcani sono una posizione strategica.
I miei migliori auguri.

Alaniel ha detto...

Salve!

ti seguivo in Rai ai vecchi tempi e ti ho riscoperto da qualche mese su questo blog.
Per me è una miniera:
i tuoi commenti, il tuo puntuale modo di mettere a nudo i problemi, ormai la sinistra italiana non è solamente "desnuda" nel "suo qualunquismo allineato", direi che sia proprio spellata.
Ieri su L'Unità (ogni tanto la prendo ancora..)è comparsa un'intervista a Yoani Sanchez, la blogger cubana.

Tu che cosa ne pensi?
Grazie e continua così!

Alan