martedì 21 aprile 2009


Cari corrispondenti, scusandomi con tutti voi, inserisco nel blog un pezzo in inglese, perchè è in tale lingua che ho pronunciato questo intervento a Belgrado, in occasione del Forum di Belgrado nel decimo anniversario dell'aggressione Nato e dalemiana alla Serbia, coronamento di 8 anni di complotti, attacchi per interposti fantocci e umanitaristi, atrocità, bombardamenti e gigantesche menzogne che dovevano portare alla frantumazione e al depotenziamento politico di un grande paese, leader dei non-allineati, barriera alla Nato e al capitalismo selvaggio, la Jugoslavia.
Visto che siamo in tema di atrocità e menzogne, superata la nausea con la quale abbiamo contemplato l'uscita dalla sala della conferenza ONU sul razzismo, sotto uno sfolgorio di ipocrisia, di alcuni bonzi europei, ci siamo ampiamente rinfrancati alla vista che la vera comunità internazionale, quella dei quattro quinti dell'umanità, è rimasta, ha applaudito le incontestabili parole del presidente iraniano (del quale comunque mi fido poco) sui crimini e sul plateale razzismo dei sionisti israeliani. I quali, al solito, hanno minacciato sfracelli urbi et orbi (e sa il cielo quanto ne sono capaci) e si sono poi nascosti dietro l'ormai consunto velo della Shoah, a insulto di tutti coloro che nella Shoah perirono. Non c'è che dire, gli eredi della Shoah sono riusciti a diventare l'epitome di tutte le nefandezze che l'Occidente ha inflitto per duemila anni al resto del mondo.

Tornando a bomba, lascio questo testo in inglese perchè preso giorno e notte dal completamento del videodocumentario "Araba Fenice, il tuo nome è Gaza" che deve essere pronto ai primi di maggio, ma anche come stimolo ai frustrati (?) che non lo capiscono perchè, in questo paese di analfabeti linguistici che, colonizzati senza conoscere il linguaggio del colonizzatore, si beano di inglesismi fichi, soprattutto a sinistra si capisca che senza l'inglese non si va lontani. Senza l'inglese è arduo capire l'imperialismo e soprattutto è impossibile capire chi, nel ventre del mostro, si batte contro l'imperialismo, spesso i migliori di noi. Certi svarioni che si fanno sulla scena internazionale, sarebbero evitati se si conoscesse l'inglese. O vogliamo restare provincia per sempre? Forse il fatto che si è abbandonata la lotta contro la Nato, inesorabilmente madre di tutte le lotte, ha a che fare con tutto questo.

Mr. Chairman, Ladies, Gentlemen,
Let me express my thankfulness for having been invited to this historical event, together with the joy to find myself among people who have never relinquished their commitment to Serbia’s freedom and sovereignty and their struggle against the powers of imperialism in the name of human kind.
And let me remember my first encounter with the conflict between truth and fraud regarding the events in the Balkans from 1991 onwards. On 24th March 1999, as a special correspondent in Italy’s State Television, Rai Channel 3, our editors explained to us the Nato aggression on Serbia and the bombing of Belgrade as a “humanitarian intervention” that we journalists were called to support. This incredible, unethical order was to be the last word I heard from my editor-in-chief. On that very day I left RAI TV for ever, got myself a camera and travelled by bus to Belgrade so see for myself. It became one of my professional experiences that emphasized to what degree the world’s media had tuned in with the fraudulent weapon of Nato, US and imperialist propaganda. Everything that was published in the West turned out to be defamation, distortion, lie, from the alleged “ethnical cleansing” in Kosovo, which was suffered by the Serb and other minorities rather than by the Albanians, to Milosevic’s “dictatorship”, or Serbian “Nationalism”.

From that moment, on I committed my professional and political efforts to rectify what had been told to an intoxicated public opinion, realising a series of video documentaries on events between 1999 and 2001, on Nato atrocities, the formidable reconstruction in 2000, the coup d’etat by Nato ant its quislings in 2001. At the same time I worked as a special correspondent in Yugoslavia for “Liberazione”, the Refounded Communist Party’s daily.
And in this capacity I was able to assess to what degree even the allegedly antimperialist Left in Italy and in Europe had been subjugated by the aggressor’s deceitful propaganda, Though deploring the “excesses” of the war, the bombing of houses, hospitals, schools, trains, industrial establishments, carried out with the obvious intention of polluting Serbia’s soil, air and water and poisoning its people, It accepted the false reasons of the socalled “humanitarian intervention”, thus depriving large masses of the instruments and arguments for solidarising with Serbia and its leadership. A sign of the more general political, cultural and ideological decadence and weakening of the Left in Europe. With a few other well-informed colleagues and friends, I tried to oppose this wave of deception by writing articles and books, showing my videos around Italy and Europe, holding conferences.

When the Cia-instructed gang of Otpor worked to destabilize the Serbian government and open it up to imperialist domination, I witnessed in Belgrade the entire operation and reported it back to my newspaper. My articles, though, were not published and upon my return to Rome I was informed that they had been thrown in the dustbin for being “too pro-Serbian and pro-Milosevic”. The editor of “Liberazione” went as far as calling the Otpor provocateurs and saboteurs a “Serbian expression of the no-global movement” and inviting it to the gatherings of this movement. I witnessed President Milosevic’s arrest and subsequent delivery to the enemies of his people and to the cangaroo-court in The Hague. I cherish the moving memory and the privilege of having been the last journalist to interview the president before the traitors threw him into prison. I had seen how the Otpor mob had burned the ballots that had given victory to the Serbian left-wing parties. I honestly reported this back to my newspaper, but, again, I wasn’t believed and my work was thrown away. To that extent had so-called anticapitalist and anti-Nato leaderships submitted their independence of thought and their honesty to the enemy. On the day of the coup d’etat, “Liberazione” titled its first page “Belgrade laughs” and the other, more authoritative daily, “il manifesto”, wrote over its entire first page “Belgrade’s spring”.

As a journalist who had witnessed all the relevant events and was aware of the enormous distortions and lies that were inflicted on the general public, I committed myself to oppose with all my professional forces the indecency of those who should have known and acted better. This activity, together with my position as vice-chairman of the Committee for the Defence of Slobodan Milosevic and as member of the Belgrade Forum, produced considerable changes in large sectors of public opinion, but also the final breaking of my relationship with Italy’s organised Left and its media. Our job, mine and that of few other honest fighters for truth and justice, also through the constant denounciation of the ransacking of Serbia by foreign economic forces and their local collaborators, as well as of the criminal treatment of president Milosevic on the part of the Hague cangaroo court (headed by Carla del Ponte, a shameless traitor to all principles of legality and justice), was not an easy job. It was used by pro-imperialists and the pseudo-left to demonize our efforts, together with their objects. Some groups, especially in Turin, Trieste and Bari, were very active in resisting those aggressions and provided material solidarity to the needy in Serbia, as well as a valid contribution to the clarification of events, a fundamental commitment. Italy could have done better, had it not been for the opportunism of the official Left, the passivity of the majority of the large Serbian diaspora in this country and the ineffectiveness of certain pro-Yugoslavia groups, whose opportunistic leadership preferred to abstain from controversial issues, such as the defence of president Milosevic and other items relating to major media distortions, and insisted rather on continuous historical exacavations concerning the distant past of the fascist occupation in the Balkans. This may have provided useful insights into precedents of Nato’s and Italy’s aggression, but did non affect the much more urgent struggle for rectification of present-day disinformation on Serbia and for solidarity with all those that the West has successfully criminalised in Serbia and in the Srbska republic.

The crimes successively committed by the US and its allies in Nato, unleashed by the extremely dubious excuse of the 9/11 terror attacks, in Afghanistan, Iraq, Pakistan, the atrocities continuously inflicted by the Zionist expansionist regime on its Palestinian victims, the general fascistisation process in the Western countries through impoverishment and repression of the weak and poor at the hands of the rich and powerful, have been an eye-opener for many. The “infinite war against terrorism”, the invention of the “clash of civilisations” by the extreme-right USraeli warmongers in order to submit the world to their oppression, devastation and exploitation, has provided definite proof of what the attack on Yugoslavia, starting with the secessions of the early nineties,
was to introduce. After the experience of socialism, i.e. an alternative and much better way of organising societies under the principles of just distribution of wealth and of solidarity and peace, and after the victorious liberation struggle by many nations that had been colonised, the imperialist powers were trying, starting with the first Gulf war and than with Somalia and the Balkans, to regain what socialism and those struggles had taken from them.

But times have changed. The unbreakable resistance of peoples like the Palestinian, Afghan and Iraqi, the beginning of social revolts in the crisis-ridden capitalist countries, the resurgence of an independent and dignified Russia, aware of its role in the world and a close ally of the Serbian people, and particularly the great, revolutionary changes in Latin America, from Cuba to Venezuela, from Bolivia to Ecuador and other countries, seem to usher in a new epoch in history, marked by the decline of imperialism. Under the cloak of the “clash of civilisations” and the “war on terror”, which tried to pit the “superior” West against Islamic peoples and the rest of the world’s South, just as happened in past centuries with the claim of civilising so-called “savages” and “primitives”, appears the reality of the eternal aggression of the privileged élite against those that are to subjugated and robbed or, simply, those that are in the way, refuse to obey and defend their rights. Exactly like Serbia did providing a shining example to all.

On the occasion of the Belgrade Forum on the tenth anniversary of Nato’aggression, we in Italy who have experienced the truth, as citizens of a country that was decisive in the destruction of Yugoslavia and Serbia, consider it our fundamental duty to for ever support the Serbian people’s struggle to recuperate its genuine sovereignty, its social justice, its freedom, the territories it was deprived of, its historical role among the world’s peoples that reject war, unless it be for liberation. This means a common struggle against Nato, as the expression of an international community whose character is criminal and life-denying. We owe this to ourselves, to the truth, but above all, in my personal feeling, to those that, defying demonization and lies, committed themselves to the defence of the Serbs, in Kosovo, Croatia, Bosnia and Serbia proper. Primarily to Slobodan Milosevic who to the last moments of a life of honour, dignity and courage, stood up against his killers.

giovedì 9 aprile 2009

Sui vostri commenti

Cari interlocutori, questo è un blog in cui i commenti vengono moderati. Non c'è accesso automatico.

Per evitare che si sia indotti a sprecare tempo e energie, preciso che vengono rifiutati i commenti che contengano ingiurie, potenzialità di reato, evidenti provocazioni, o stereotipate ripetizioni della disinformazione di regime. Si tratta di un blog che non ha nulla da condividere con chi si manifesta grossolanamente succube o complice della truffa planetaria.

Qui ci si muove a un altro livello e non si ha davvero tempo da perdere.

Tutto il resto è cordialmente benvenuto, argomentazioni, critiche, sarcasmo, eulogie, evidenziazione di sfondoni, purchè in spazi contenuti. Si prega di contenere i commenti nelle 300 parole. Ciao.

mercoledì 8 aprile 2009

Antimafia e terremoti

Dovendo star lontano dal computer per completare in tempo il documentario e il libro su Gaza, la Palestina, il Medio Oriente, rispettivamente “ANGELI E DEMONI A GAZA” e “DI RESISTENZA SI VINCE” (Malatempora edizioni), non posso per un po’ allungare il brodo di questo blog. Mi permetto, con il consenso degli interessati, di inserirvi però un documento del Forum Sociale Antimafia (Centro Peppino Impastato, Palermo) che ritengo estremamente istruttivo e valido, insieme all’annuncio che l’8 maggio avrò il piacere e l’onore di presentare al Forum, in prima nazionale, il film “ANGELI E DEMONI A GAZA”.

Visto anche che lo tsunami delle deformazioni ed eulogie mediatico-politico per quello che sta succedendo in Abruzzo, a copertura delle consuete inefficienze, ritardi, bluff, menzogne e scompisciamenti Porta a Porta, sta occupando il ciberspazio, vorrei aggiungere una considerazione finora assente dal dibattito.
Alla questione, indiscutibile, che quasi tre mesi di scosse avevano fatto prevedere un botto fortissimo, costantemente escluso dai bonzi della Protezione Civile e del malgoverno, e al disprezzo ignorante e strumentale con cui si affrontano i legittimi dubbi suscitati dalla previsioni scientificamente elaborate da Gioacchino Giuliani, vorrei aggiungere una considerazione che, alla luce della criminalità organizzata che governa il mondo occidentale, dovrebbe apparire lapalissiana. Ogni fondata previsione del terremoto, come gli annunci di Giuliani, sono stati ignorati, ridicolizzati e sabotati, allo stesso modo con cui il noto ex-commissario Barberi negò l’arrivo di un terremoto quando, due ore dopo, questo devastò Umbria e Marche. Il motivo, ma perbacco, qualche centinaio di morti, Parigi, vale ben una messa: miliardi di euro, del contribuente, stanziati per la ricostruzione stile Milano due, da far finire nelle tasche dei distruttori del paese e da assicurarsi ulteriori pizzi e bacini elettorali.
Il sistema ammazza a casa sua, come in Iraq, Palestina, Afghanistan, ovunque ci siano popoli di troppo e quattrini da arraffare. E' il capitalismo, bellezza.

Documento Forum Sociale Antimafia 2009
Nella notte del 9 maggio del 1978, la notte più lunga della prima repubblica, il militante comunista Peppino Impastano veniva assassinato dalla mafia per ordine del boss mafioso Gaetano Badalamenti; da 31 anni, i compagni di Peppino, la sua famiglia ed il centro siciliano di documentazione “Giuseppe Impastato” tengono viva la memoria della sua personalità storica e politica, mantengono il ricordo del suo omicidio mafioso, insieme a tante compagne e compagni che cercano di continuare la sua pratica quotidiana antimafiosa, antifascista e anticapitalista.
A 31 anni dalla morte, le sue istanze politiche sono quantomai attuali, proprio nel 2009, l’anno dell’esplosione della crisi del capitalismo mondiale, ultimo atto del sovrapporsi di cicli economici di contrazione. Ogni giorno i media diffondono finte spiegazioni di una crisi economica che rivela null’altro che la fragilità strutturale di un sistema economico ritenuto incrollabile. Consolidata la fase delle recessioni dell’economia globale, il sistema si avvia verso una fase di depressione: fabbriche e aziende chiudono e milioni di persone perdono il proprio posto di lavoro mentre gli interventi statali garantiscono i grandi speculatori, fautori della crisi.
La crisi economica che viviamo è molto più di una delle naturali crisi di sovrapproduzione del capitalismo mondiale, tanto che gli stati più potenti del mondo non hanno esitato a proporre misure di nazionalizzazione per arginare il crollo delle potenti lobbies economiche. Eppure, i governi e con essi le sinistre istituzionali non osano criticare né le logiche di mercato né il liberismo economico ma si limitano a diffondere futili giustificazioni e lasciano che i lavoratori e le famiglie paghino il prezzo maggiore di un economia in disfacimento, di disoccupazione, disgregazione sociale, precarietà e povertà crescente.

Non temiamo di affermare che queste crisi dimostrano la debolezza di un sistema economico instabile da molto tempo e che da decenni aggrava i suoi squilibri, finanziando un’economia di guerra basata sugli shock economici e non sulla produzione reale, promuovendo campagne militari di aggressione imperialista, scatenando instabilità politica, economica e sociale, smantellando le garanzie sociali, generando una sempre crescente sperequazione economica, precarizzando il mercato del lavoro in nome del mito della flessibilità.
Il Forum sociale antimafia, in questa prospettiva, ribadisce il suo impegno per discutere, analizzare e proporre aspetti e fenomeni cruciali dei nostri giorni, proprio sulle orme di Peppino.
Il dibattito istituzionale e politico, a livello nazionale e internazionale, è attestato sulle posizioni conservatrici dei potenti del mondo, in difesa degli speculatori economici e dei guerrafondai; i governi del mondo preferiscono finanziare le banche, le imprese multimilionarie e le grandi aziende invece di individuare forme di sostegno reale ai soggetti sociali più deboli, travolti dalla crisi dilagante; le finte soluzioni paventate dai grandi dell’economia mondiale, non solo non pongono rimedio all’indebolimento del potere d’acquisto delle famiglie e dei lavoratori, ma giustificano le sconsiderate politiche neoliberiste, avallando le speculazioni bancarie.
In questa prospettiva, le guerre e i conflitti diventano un’opportunità per il mercato di morte delle armi e delle droghe, le strategie di destabilizzazione dei paesi per la conquista e la gestione delle risorse energetiche e minerarie diventano significative fonti di reddito di un’economia in crisi, come insegnano la Palestina, il Congo, l’Afghanistan e l’Iraq.
A ciò si aggiunge la criminale gestione delle finanze pubbliche e del territorio nazionale, perseguita dal governi di destra e di sinistra che si sono alternati negli ultimi anni . Le istituzioni appaltano ad imprese private servizi pubblici e le nuove multiservizi non solo privatizzano settori essenziali, aumentando i costi ai cittadini, ma finiscono, sempre più spesso, nelle mani di pochi speculatori che dilapidano fondi pubblici e che rimangono impuniti grazie a detassazioni e condoni.
Lo stato non vuole affrontare il problema dell’evasione fiscale, né attuare politiche di redistribuzione della ricchezza, mentre le mafie e le organizzazioni criminali si inseriscono indisturbate nella gestione del territorio e delle risorse, garantendo con l’illegalità, l’illecito e la violenza il funzionamento dell’apparato economico e la gestione del conflitto sociale, riciclando capitali provenienti dalle attività illegali e moltiplicandoli con i contributi statali.
Il governo, con la complicità e/o subalternità del centro-sinistra istituzionale, nell’incapacità di delineare soluzioni politiche, chiede ulteriori sacrifici ai lavoratori e alla famiglie, riducendo le garanzie sociali, le tutele sul lavoro e sulla salute, criminalizzando ogni forma di dissenso e protesta, come dimostra l’operato dei ministri Brunetta e Sacconi. L’unica via d’uscita da queste crisi sembrerebbe la promozione di una grande campagna di cementificazione del territorio, le tante mistificate opere pubbliche, magnificenti progetti inutili e spesso dannosi, pensati per rimettere in moto il settore dell’edilizia, non considerando proprio che in questo settore sono minori le tutele dei lavoratori, come dimostra il lungo elenco di atroci morti bianche. Non una parola per denunciare tutte le assunzioni irregolari di italiani e migranti, che avvengono tramite ditte spesso poco conosciute a cui si subappaltano i lavori, ma una grande campagna di propaganda delle grandi opere pubbliche, presentate come opportunità di sviluppo del territorio che nascondono in realtà ottime opportunità di speculazioni, di riciclaggio dei capitali mafiosi ma ammantate da giustificazioni etiche.
Non è un segreto ed è stato ampliamente dimostrato dalla magistrature che sono proprio le aziende mafiose o legate alle organizzazioni criminali che molto spesso finiscono per gestire la totalità di questi appalti. Nessun finanziamento alle famiglie, dunque, né salari ai lavoratori ma enormi capitali alle organizzazioni mafiose per devastare il territorio, unico patrimonio comune.
Il territori, uno dei pochi beni preziosi ancora rimasti in Italia, diventa un affare su cui lucrare, senza alcun rispetto delle norme ambientali né della salute pubblica come dimostrano le ultime proposte governative in merito all’edilizia cittadina e all’energia.
Il Forum diventa un’occasione per denunciare le menzogne che si celano dietro le grandi opere: non una parola sui grandi costi delle centrali nucleari e del lungo periodo che trascorre tra l’edificazione e la piena produzione, non una parola sulle scorie nocive, né sull’impatto ambientale dei rigassificatori né sugli inceneritori, né sul devastante impatto della diossina sulla popolazione e sulla catena alimentare, ma una generica idea di progresso, esaltata ciecamente, senza valutarne né i costi economici né quelli sociali e ambientali.
Ma il territorio non rischia solamente di essere deturpato ma di essere privatizzato e svenduto. L’acqua, patrimonio di ciascun essere umano, diventa una merce, da comprare e vendere, proprio come detta la logica del mercato capitalista e poco importa se un bene primario rischia di diventare inaccessibile a molti e se dietro le scuse di una migliore gestione del patrimonio idrico si cela il tentativo di ottenere enormi guadagni vendendo ai cittadini un bene che a loro appartiene.
In questo panorama il legittimo dissenso viene criminalizzato, con le leggi che restringono i diritti agli scioperi e limitano le manifestazioni cittadine, come vengono criminalizzate le organizzazioni che non si allineano agli interesse dei padroni e dei loro complici; stessa sorte spetta allo straniero, criminalizzato e additato come nemico dagli stessi vertici istituzionali; nell’incapacità di risolvere i problemi reali vengono creati fantasmi verso cui indirizzare l’odio e la paura dei tanti che vivono in condizioni sempre più difficili. In questa atmosfera crescono il razzismo e l’intolleranza, dando nuova linfa vitale alle organizzazioni neofasciste, ormai palesemente garantite dalla destra di governo. Gruppi e movimenti neofascisti vengono così protetti, giustificati, avallati, utilizzati come mezzo di controllo sociale e di repressione e il revisionismo storico conclude il processo che ristruttura la nostra storia comune equiparando partigiani a repubblichini, offuscando l’enorme patrimonio culturale e politico della resistenza antifascista, riproponendo con le nuove ronde cittadine un nuovo travestimento per la vecchia pratica dello squadrismo fascista.
Convinti di queste considerazioni, riteniamo che ricordare oggi Peppino Impastato non sia solamente una atto dovuto ad una delle tante vittime della mafia, né un omaggio ad un militante comunista ucciso per la forze delle proprie idee ma un modo per proporre e sostenere una pratica politica quotidiana alternativa. Riteniamo che sia necessario continuare un percorso di resistenza antimafiosa, antifascista e anticapitalista dal basso che parta dell’esperienza di vita di Peppino, con l’intenzione di costruire nuovi momenti di aggregazione e informazione e nuovi percorsi politici in netta opposizione alla deriva fascista e mafiosa dell’attuale apparato politico ed economico.
Siamo lontani dall’antimafia istituzionale di parata, siamo lontani da quel concetto di sicurezza che si fonda tanto sulla paura dei cittadini e sulla militarizzazione dei territori quanto sulla criminalizzazione del dissenso politico, siamo lontani da quella legalità che pretende il rispetto di leggi ingiuste, volute da un governo conservatore, per tutelare i privilegi del capitale.
Siamo a Cinisi, nel 2009, per proporre modelli alternativi di gestione del territorio e delle risorse, per ribadire una nuova centralità del lavoro e dei lavoratori nell’economia, per chiedere il rispetto del diritto alla salute, all’istruzione e alla libera circolazione degli uomini, nella convinzione di continuare un percorso iniziato, proprio a Cinisi, tanti anni fa.

Il documento è provvisorio e in fase di discussione.
Per contributi e commenti

martedì 7 aprile 2009

risposta a Anonimo

Bè, venendo queste rampogne all'Islam da chi ha per due millenni rotto i coglioni a tutti gli altri, massacrato, bruciato, stuprato, invaso, e che ora fa macellerie in mezzo mondo, possiamo anche starci a un confronto. Peccato che ti dimentichi che l'arabo e musulmano Saddam Hussein ha laicizzato di più le donne e lo Stato di quanto non facciano le squinzie culi e tette di Berlusconi e Co. A me risulta che nessuno ha realizzato il male assoluto come gli Usa, noi e ora soprattutto Israele.
Saluti del bi-occhi all'orbo.