lunedì 23 gennaio 2017

LENTI BIFOCALI su Washington, Amatrice, Belgrado









E tu onor di pianti Ettore avrai
ove fia sacro e lacrimato il sangue per la patria versato
e finchè il sole risplenderà sulle sciagure umane

(Ugo Foscolo, I Sepolcri)

“Finchè l’inganno scorreva silenzioso e monotono, tutti ci siamo lasciati ingannare, avallandolo per incoscienza, o forse per codardia”.
(William Faulkner)

Dedicato a Milosevic, Karadzic, Mladic. E al Corpo Forestale dello Stato.

E’ capitato ultimamente che qualcuno abbia profferito rampogne sul blog e su FB, sia a me, direttamente, sia alla senatrice 5Stelle Ornella Bertorotta che, con un’apprezzabile mozione contraria, aveva bloccato la mozione di una camarilla di ratti a stelle e strisce, guidata da Casini e da miserandi fuorusciti o giustamente espulsi dei 5 Stelle, che pretendeva di far votare al Senato un documento di contumelie e calunnie al Venezuela. Iniziativa sulla falsariga del colpo di coda del rettile Obama che, implicando le solite misure delinquenziali della sua amministrazione, aveva dichiarato il Venezuela “Grave e straordinario pericolo imminente alla sicurezza degli Stati Uniti”. L’oggetto della rampogna era che sia la senatrice, occupandosi della diffamazione di un degnissimo paese sovrano e fornendo ragioni inconfutabili in contrario, che il sottoscritto, pur nelle drammatiche temperie del momento nazionale, deviavamo dalle cose vicine per occuparci di cose lontane, secondarie rispetto ai problemi di casa.
A me pare una visione un tantino provinciale, non infrequente nel nostro paesello affollato da chi ritiene il cosmopolitismo costume dei merluzzi in viaggio tra Golfo del Messico e Artico, o da chi a scuola non va oltre Massimo d’Azeglio e quando sente parlare di Bismarck pensa a uova al tegamino. A ma pare anche lo strabismo di chi si affanna a riparare il rubinetto di cucina che perde, mentre trascura la falla apertasi nell’acquedotto fuori casa.

Sappiamo che è una degenerazione del visus vedere male da vicino, miopia, o da lontano, presbiopia, o addirittura da entrambe le distanze. Ci inducono a ciò l’avanzare del decadimento fisico e, nella metafora, l’educazione a vedere soltanto fino alla punta del naso, o soltanto oltre. Per rimediare a questi difetti esiste un rimedio meraviglioso: le lenti bifocali. Alzi lo sguardo verso il settore superiore della lente e vedi nettissimi i cipressi sul crinale; lo abbassi e i caratteri dello stampato che leggi ti balzano nitidi agli occhi. E così, un po’ guardi lontano e vedi che succede dietro “questa siepe, che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude”, e ti “sovvien l'eterno”. Ma poi accorci lo sguardo e attorno a te ritrovi “le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei”.

Intendendo, l’amico Giacomo, che in questo modo connetti l’eterno al passato e al presente, il lontano al vicino, la luna al pastore errante e, se il poeta mi consente, il modello politico-economico, autocratico-predatore-mafioso, imposto dalla più grande potenza del mondo, alla sciagurata situazione del nostro territorio e di chi ci formicola sopra cercando di scansare gli effetti locali di quel modello. In poche parole, cari soloni, per capire qualcosa, tocca conoscere il contesto e constatare che “tout se tien”.

Quando il diavolo e l’acqua santa fanno festa insieme

Azzardiamo un accostamento ardito. Le megamanifestazioni contro l’insediato presidente, preannunciate da roboanti proclami di guerra al duo satanico Trump-Putin, hanno visto affiancati i “dimostranti del Bene”, donne in testa, e quanti fino a ieri erano definiti i massimi esponenti del Male (Cia, i Clinton, i neocon, i padrini di tutti i terrorismi, gli armaioli). Tout se tien. E’ l’ unità ritrovata, anche se la disparità era già più esibita che giustificata, corrisponde a livello globale a quell’”unità nazionale”, ieri “larghe intese”, che oggi s’invoca da noi a copertura della sciagurata incompetenza, inefficienza, indifferenza, delinquenza, che stanno marchiando d’infamia l’intervento, non intervento, delle autorità a difesa e salvezza degli esseri viventi aggrediti dalla natura manomessa e offesa. Considerazioni che non ci impediranno di certo, una volta sistemati i suoi predecessori nella discarica della Storia, di manifestare e lottare contro l’ ennesimo burattino imperiale e le sue aberrazioni ambientali, geopolitiche, filo talmudiste, scioviniste, razziste.




A Washington, Berlino, Tokio, ovunque il pifferaio talmudista ungherese, CdA della camarilla dei necrofori imperiali, abbia fatto risuonare il suo richiamo, amplificato da esemplari femministi come la novella Santa Giovanna d’Arco, Madonna Ciccone, donne si sono mosse credendo di opporsi a chissà quali future nefandezze di Trump e non facendo altro che obbedire, l’ennesima volta dagli anni del ’68, a nemici di classe, imperialisti, guerrafondai, ladri e genocidi, che depistano dai propri crimini verso la guerra tra poveri, tra subalterni, tra generi. La guida è affidata a machofemministe maternaliste che, insieme a Madeleine Albright, avevano votato per Hillary, il plauso arriva dagli amici del giaguaro. Difatti coloro che ti ci hanno mandato, in piazza, sono i giaguari (chiedo scusa all’animale a cui rubo la metafora) con tra le zanne ancora i resti dei milioni di donne (e altri) sbranate in giro per il mondo. Particolare bello che accantonato.

Faccio contenti i miopi, quelli del rubinetto di cucina, e ricordo che un po’ più di vent’anni fa, allertati da uno di quei comitati di cittadini che sono l’estremo presidio del paese, perforando con la Guardia Forestale dello Stato le colline del Golfo dei Poeti a Pitelli (La Spezia), sprofondammo in un oceano di veleni, lì sepolti da una consorteria di farabutti (politici PCI, poi PD, ammiragli ‘ndranghetisti, imprenditori, banchieri, servizi segreti), che avevano intossicato e ucciso esseri umani e non da Pitelli alla Somalia, compresi la mia collega al TG3 Ilaria Alpi, Miran Hrovatin e il capitano Natale De Grazia che, anche lui, aveva messo il naso nel business. Noi, le Guardie Forestali sotto lo straordinario maresciallo Gianni Podestà, alcuni PM di La Spezia e soprattutto il PM Luciano Tarditi di Asti, che inchiodò i delinquenti uno per uno, tirammo fuori quelle porcherie assassine e le sventolammo sotto il naso ai responsabili. Noialtri ce la siamo cavata. Ma la magistratura, nei tempi della nostra evoluzione politica, s’è evoluta pure lei: vent’anni dopo, tutti assolti e i veleni sono ancora là.



Un corpo di polizia che fa pulizia.
Rai, Tg3, magistratura, tutti normalizzati. Anche in Abruzzo, dove l’Edison della centrale di Bussi ha avvelenato per vent’anni 400mila persone. Altro delitto, altri criminali scoperti dalla Guardia Forestale.Tutti assolti. E poi Seveso, la Centrale a carbone della Tirreno Power di Vado Ligure, assassina di almeno 400 persone, la Terra dei Fuochi, alluvioni, frane, incendi. Il Corpo di polizia sicuramente più preparato e prezioso in un paese che prolifera di polizie come nessun altro al mondo, ma, ahiloro, non militarizzato. Vicino a quella che suol dirsi società civile, al territorio. Fondato nel 1822 da chi non pensava a repressione dei subalterni, ma a salvaguardia e promozione di chi non ha voce, animali, terra, piante, acque, faceva la cosa più importante di tutte, quella che nessuno nel Belpaese fa: prevenzione. Ed era composto da gente preparata, onesta, appassionata. E che perciò dava fastidio e doveva morire.

Hanno iniziato a ucciderla a fine anni ’80. Ricordo un mio servizio sul Parco Nazionale dello Stelvio, il primo d’Italia, uno dei più antichi d’Europa. Ci arrivai che, con lacrime invisibili negli occhi, i Forestali svuotavano armadi, impacchettavano dossier, chiudevano gli uffici, partivano. Un decreto gli aveva tolto il compito di vegliare sul parco e l’aveva affidato ai palazzinari e bracconieri delle tre province che ambivano a saccheggiarlo: Lombardia, Trentino, Alto Adige. Oggi è rimasto integro solo questo’ultimo pezzo, sudtirolese.



A decretarne la morte definitiva è stata la superesperta di ambiente e amministrazione pubblica Marianna Madìa. Il decreto Sblocca Italia aveva già tolto di mezzo le soprintendenze ai beni culturali, a che servivano nel paese del 40% del patrimonio artistico mondiale, essendoci una Madia? E, per la valorizzazione, un Briatore, un Ciancimino, un Fuksas? La messa a disposizione delle solite torme di ratti, tipo costruttori all’Aquila, viene completata dalla Madia che, all’insaputa di ogni principio di razionalità ed efficienza, ma alla saputa di speculatori e predatori, elimina il CFS incorporandolo nei più “affidabili” carabinieri. Con i Vigili del Fuoco sotto organico perenne e gravemente sottodotati, i due corpi a cui è affidata la salvaguardia del nostro territorio violato e sgretolato, sono ridotti alla ragione di Stato, di questo Stato. E così i geologi, scienziati di cui l’Italia avrebbe bisogno più dei perfettamente inutili suoi 322mila soldati. Sono troppi, costano troppo. Possiamo spendere 15 miliardi di euro per 90 scarcassoni chiamati F35, che tutti gli altri cancellano. Possiamo regalare 20 miliardi alle banche perché si salvino dalle proprie ruberie e regalie. Sarebbero 35 miliardi con i quali si riaggiusterebbe metà del nostro territorio dissestato e reso stragista. Se i nostri burattini scegliessero diversamente, chi li farebbe lavorare più appesi ai fili?



La meglio Protezione Civile

E così non solo prevenzione nulla e abusi a gogò, allarmi ignorati da prefetti, ritardi surreali nei soccorsi, turbine antineve rotte e non riparate, strade vitali per le emergenze sepolte e nè manotenute, né sgomberate (le province che se ne occupavano abolite pure quelle), gente in tenda sotto tonnellate di neve e tra macerie non rimosse a cinque mesi dal primo sisma, tramvate contro la realtà cialtronesca di regime di un capo dello Stato che biascica “non vi abbandoneremo”. Ma nulla ricorda degli 8000 km di ferrovia, della rete allora migliore d’Europa, tagliati come rami secchi per far posto alla gomma e ai carburanti dei compari. Treni che, aprendosi la strada con i rostri anche nella neve, collegavano tutti quei borghi che oggi si sono visti irraggiungibili. Ma anche tre elicotteri della Guardia Forestale che avrebbero potuto intervenire sull’albergo-tomba di Rigopiano, ma sono rimasti fermi perché la Madia non aveva ancora provveduto a emanare i decreti attuativi necessari l passaggio di consegne ai carabinieri. E tutti ad applaudire gli “eroici vigili del Fuoco e il Soccorso Alpino”, compresi quelli che non fanno che togliere di mezzo l’importuno intralcio alle magnifiche sorti e progressive di crescita e sviluppo.

Spasmi di rabbia e crampi di pena a vedere vagolare in una panorama tutto bianco che, solo al suo apparire sullo schermo cerchi una coperta, animali morituri. Mucche, pecore, maiali, conigli, che non sono solo l’economia della regione, senza i quali la regione si spopola e muore e poi viene giù. Sono creature senzienti, affettive, sofferenti, moriture, disperate, morte di freddo, di fame, di solitudine. Questa combutta di inetti e irresponsabili, cui le nevicate straordinarie erano state anticipate, non ha saputo predisporre, mica casette di legno o container attrezzati, ma semplicemente stalle, quattro assi e una tettoia, per salvare chi vive soffrendo l’indicibile e chi ne vive e annega nella disperazione. Siamo una landa desolata, un paese desertificato nella natura, nell’intelligenza, nell’onestà. A che servono i Forestali in un deserto?

Serbi da morire. Stavolta li ammazziamo di migranti



Se sollevo lo sguardo, passo attraverso la parte delle lenti bifocali che fa vedere lontano. Capita che si veda fino a Belgrado. Come, dopo tre lustri di pudica, prudente, cecità sul corpo di reato, sta succedendo in questi giorni a tutti. Vedono fino a Belgrado. Ma non vedono Belgrado. Vedono migranti al freddo. L’ho già ricordato altre volte, ma oggi c’è lo spunto per ripercorrere il ricordo: era la mattina del 24 marzo 1999, con il concorso di pacifinti alla Sofri e Langer, preti, dirittumanisti, giornalisti venduti o imbecilli, furbacchioni, mercenari Nato di Al Qaida, spie e delinquenti, avevano già sbranato la massima parte della Jugoslavia e si apprestavano all’esecuzione di quanto restava, nonostante tutto, orgogliosamente in piedi. La Serbia. Avevano già fatto pulizia etnica a migliaia di morti ammazzati e centinaia di migliaia di sradicati, in Kosovo, Bosnia, Krajine e si erano coperti inventando stragi serbe a Racak, Srebrenica, Vukovar.

Quella notte criminali di guerra, tra i quali il caporale di giornata D’Alema, avevano iniziato i bombardamenti su Belgrado la cui gente si ostinava a mettersi un ponte con un bersaglio sul petto a cantare canzoni. Quella mattina, in riunione di redazione, ci esaltarono l’opera di Giovanna Botteri portavoce simultaneamente di UCK e Nato e ci dissero che tutti dovremmo riferire così sull’ “intervento umanitario”. Come sempre, prima e dopo, nulla era vero, il dittatore Milosevic, gli stupri, la pulizia etnica in Kosovo, la repressione, le carceri piene di politici. Era vero il contrario. E la Serbia poteva dare esempi di democrazia e moderazione a tutta la sedicente “comunità internazionale”. Quel giorno fu il mio ultimo in Rai e il primo tutto solo e da indipendente.




A Belgrado la notte del nostro arrivo le macerie fumavano, nell’ospedale trovammo le incubatrici spente dalle bombe, così la TV di Stato, come in tutti i paesi che diffondono “fake news”, l’albergo accanto al nostro squartato da un missile, l’ambasciata cinese di fronte affettata da tre bombe, le strade ridotte in torrenti congelati di macerie. E la gente sul ponte con il Target, a cantare. Ne feci un documentario “Il popolo invisibile”. E poi un altro, “Serbi da morire”. E poi un altro, “Popoli di troppo”. Ma i miei reportage a Liberazione dopo un po’ vennero bloccati dal caporedattore Cannavò, ora a “Il Fatto Quotidiano”, e dalla vicedirettrice sotto Sandro Curzi , chihuahua di Bertinotti, Rina Gagliardi. Troppo squilibrato verso Milosevic. L’ultimo pezzo cestinato era sulle bombe a grappolo Usa su Nis e, peggio, un racconto di come bene i serbi accogliessero i rom. Rifiutarono perfino, grandi professionisti, la mia intervista con Slobo, l’ultima prima che lo arrestassero. Uscì poi sul Corriere.
Da allora, la Serbia sparì in un buco nero. Conveniva. La vergogna sotto sotto si faceva sentire. Un’Europa unita che ci dà 60 anni di pace e poi si amputa un arto. Ma la vergogna, il senso di colpa, in fondo al pozzo nero dell’anima di tutti coloro che hanno collaborato alla distruzione di Jugoslavia e Serbia, o l’hanno tollerata, riemerge adesso. E prova ad arrampicarsi dal buio della cattiva coscienza verso la luce di una maleodorante solidarietà. Quella per i profughi. Un uragano di compassione per chi agonizza al freddo, come Enrico IV, nel 1077 per tre giorni e tre notti nella neve, anche allora di gennaio, davanti al portone del castello di Gregorio VII e Matilde. Una bufera di indignazione verso “i serbi che sbarrano le porte”. Serbi come Orban, il “nazista ungherese” che, sia detto tra i denti, governa un paese che, in proporzione alla popolazione, ha il più alto numero di profughi d’Europa e il cui “muro” è un cancelletto rispetto a quello eretto in Palestina o a Calais. Lui però è cattivo, ha cacciato tutte le buone Ong di Soros, ama più Putin di Juncker. Cattivi anche i serbi una volta di più vittime di menzogne e calunnie. Come dal 1990. Come anche prima, quando Tito e Milosevic si ostinavano a tenere il paese fuori dalla camicia di forza delle superpotenze.

Una cattiva coscienza che si nasconde nella solidarietà
Sarete rimasti atterriti dall’uragano di immagini, lacrime, geremiadi, anatemi, che i media di mezzo mondo, hanno scaricato dagli schermi a proposito della tempestivamente re-innescata (ovviamente contro Trump e accoliti che schifano i migranti) rotta balcanica. Come Enrico IV, alle porte di Belgrado, o al confine serbo-ungherese, nel gelo, colonne di fuggiaschi in stracci, senza protezione, assistenza, conforto, attorno a focarelli che lottano contro bufera e nevischio, che si fanno la doccia all’aperto, con acqua di bidoni ghiacciati, bambini e donne (meticolosamente rintracciati tra un 90% di giovani maschi). Una roba, come suggerisce un acuto commentatore al mio blog, che dovrebbe evocare paragoni con l’olocausto, con le turbe di moribondi in marcia dal treno blindato alle presunte camere a gas. Ovviamente, su questa strada, Furio Colombo e la lobby sono sempre in testa.

Diversamente che da noi, anche a Roma, non c’è stato nessuno sgombero forzato, si è negoziato per trovare una soluzione che non ferisse nessuno, si sono messe a disposizione tre caserme (da noi stanno vuote), si è provveduto a fornire vestiario, cibo, calore. I cittadini di Belgrado, cui abbiamo lasciato gli occhi per piangere, si sono mossi in soccorso individuale e collettivo, come li avevo visti fare quando dal Kosovo, lacerato dalle bombe Nato e dai briganti dell’UCK, arrivavano in fuga serbi e rom.



Non hanno parlato di integrazione, di assimilazione di meticciato, e altri trucchi neocolonialisti, coloro che facevano parte del migliore esperimento di integrazione tra etnie e confessioni di una famiglia geografica e storica dallo stesso destino e progetto politico. Ma hanno fatto quel che potevano, da gente stanca, disillusa, sfiancata, mal governata (come piace ai suoi giustizieri), impoverita, demoralizzata, per continuare ad avere il mondo contro. Il mondo che gli ha troncato le gambe e chiuso il futuro. E che oggi pretende di dare lezioni di umanità. Appunto, lo stesso mondo dell’intervento umanitario a forza di bombe e bugie.

Quanto a noi, a quelli che marciano contro Trump per la soddisfazione di Obama, Hillary, signori delle guerre, dei diritti umani, dei LGBTQ, delle donne (bombardate escluse), che magnifica occasione, quella dei poveri rifugiati davanti alle mura dei soliti serbi, per nascondere i carcinomi della nostra coscienza. Per lavarla, questa coscienza, con la candeggina dell’ipocrisia.

11 commenti:

Paolo Selmi ha detto...

Ciao Fulvio!
domani mi prendo una giornata di ferie e ne approfitto per leggerti con attenzione. Intervengo solo per una notizia bomba, che mi riempie di felicità
Dopo giorni di trepidazione, di combattimenti incessanti, di episodi di eroismo degni di Stalingrado, dove donne e uomini hanno combattuto spalla a spalla una battaglia all'ultimo sangue, una bella notizia da Deir Ezzor: Città e aeroporto sono di nuovo collegati.
http://free-news.su/voennye-konflikty/17461-nisoty-v-rajone-kladbischa
http://free-news.su/voennye-konflikty/17476-svodka-siriya-23yanvarya17
Il nemico era in netta superiorità numerica, ma questa volta (a differenza di Palmira), si trattava non di poche migliaia di soldati, ma di una città intera, centinaia di migliaia di uomini e donne che hanno resistito fino all'ultimo sangue. Risultato, ieri e oggi si sono alzati in volo sei bombardieri dalla Russia e hanno fatto piazza pulita di molti dei rinforzi giunti dall'Iraq, divisioni aviotrasportate della Guardia Nazionale sono arrivate sia in aeroporto che in città, e fra ieri e oggi hanno fatto vedere l'inferno agli assedianti, colmando quei 2-3 km che rischiavano di restare fatali. Non so come andrà a finire, ma era da due giorni che volevo scrivere quello che ti sto scrivendo ora.
Ciao!
Paolo

Anonimo ha detto...

Grazie Fulvio.
Quando la mia fidanzata a meta' febbraio verra' a trovarmi , le leggero' il tuo pezzo .
Luca.

Anonimo ha detto...

Bravo Fulvio. Solo un piccolo commento: Il CFS sarà ripristinato e il suo organico esteso a dismisura, una volta regolati i conti con i nostri Quisling. Ci vorrà ancora un pò di tempo ma non troppo.

Rudi

Paolo Selmi ha detto...

Caro Fulvio,

complimenti per il tuo ultimo lavoro, che ho finalmente letto. E apprezzato.

Da piccolo, il mio mito era uno zio, che di mestiere faceva il Vigile del Fuoco. Elmetto, sirena, autopompa rossa, scure, salvataggi: è stato per un decennio il mio mito e il mio "da grande farò il" (sogno infrantosi su un maledetto C2 per le lenti da vista alla visita di naja). Sindacalista, mi ricordo su questo argomento solo una cosa: che ce l'aveva con quelli della protezione civile, perché a loro arrivavano i soldi e a loro invece no. Si era negli anni Ottanta del secolo scorso. La legge quadro del '92 avrebbe poi messo, formalmente, i VVFF a capo della PC ("Costituiscono strutture operative nazionali del Servizio nazionale della protezione civile: a) il Corpo nazionale dei vigili del fuoco quale componente fondamentale della protezione civile;" http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_prov.wp?contentId=LEG1602).
Peccato che, da allora, la situazione sia notevolmente peggiorata. Prima Monti, poi Letta e Renzi, hanno proseguito nell'opera di privatizzazione della Protezione Civile: VVFF sempre più sotto organico, territori sempre meno presidiati, gridi di allarme puntualmente ignorati (uno degli ultimi qui, per esempio: http://www.usb.it/index.php?id=1132&tx_ttnews%5Btt_news%5D=90117&cHash=a188ca8435), "principio di sussidiarietà" elevato, come in altri settori del cosiddetto "sociale", a legittimazione del progressivo disimpegno pubblico in settori strategici e di importanza vitale, a fronte di regalie, peraltro fatte sempre di soldi pubblici, elargite a privati che se le intascano fornendo, subappaltando, tirando fuori dal cilindro, servizi ancora peggiori di quelli forniti da un carrozzone già in cattiva salute!
Questo, sulla pelle di poveri cristi che non sapevano che il loro hotel era stato costruito sulle macerie di una slavina, di altri poveri cristi che restavano tagliati fuori dal mondo perché gli spazzaneve non si riuscivano a muovere, traffico in tilt in altre zone per dieci centimetri di neve o peggio ancora, e via discorrendo. Premesso che farei un monumento a ciascuno di quegli eroi che, staccatisi dalla colonna dei soccorsi bloccata (sic!) dalla neve, si mettevano ai piedi le pelli di foca e, pila in testa e zaino in spalla, si sparavano km di freddo e ghiaccio pur di prestare soccorso il prima possibile, premesso che se lo meriterebbero tutti quanti si son fatti finora in quattro per salvare vite umane, con la spada di Damocle di eventuali ulteriori slavine sempre pendente sul loro capo, prevedibili con un preavviso di soli 30-50 sec., occorre denunciare con forza queste situazioni a dir poco vergognose, e che gridano vendetta.

Ciao!

Paolo

Anonimo ha detto...

Un altro spendido articolo. Grazie Fulvio.
Aggiungo solo che due mesi fa le Iene hanno svelato che nel decreto Sblocca Italia la Madia ha dato via libera alla privatizzazione dell'acqua, passata da bene pubblico a servizio a pagamento. Quando sono andati a chiedere spiegazioni la ministra li ha cortesemente mandati a quel paese.

alex1 ha detto...

@Anonimo: alla faccia del referendum di 5 anni fa... Chi si oppone al libero mercato delle privatizzazioni di quello che rende, ai profitti dei privati, al salvataggio dei disastri conseguenti con I fondi pubblici non deve avere voce in capitolo perche' e' un "populista".

Massimo Ceci ha detto...

Oggi e' il 27 gennaio, giorno dedicato a ricordare a tutti la Shoah, l'unico massacro a fronte dei tanti della storia il cui ricordo non deve mai affievolirsi col corollario del rinfocolamento dell'eterno senso di colpa, in particolare per il popolo tedesco.
Qualcuno vuole ancora Israele nella costruzione massonica mostruosa dell'Ue come parte del pacchetto di eterna colpa....smetto di scrivere per la nausea.

PantherS ha detto...

@Massimo Ceci
Proprio ieri ci pensavo... Ancora campagne martellanti, tg, servizi, spot pubblicitari, film, un incessante martellamento su questo "giorno della memoria". E mi chiedevo, ma perché dobbiamo avere costantemente inculcato solo il ricordo del massacro degli ebrei, noi che ebrei non lo siamo? E tutti gli altri successi anche in tempi molto più recenti? Bosnia, Rwanda, Kosovo, non valgono la pena d'esser ricordati? I milioni di vittime del comunismo staliniano, cinese, cambogiano? Gli stermini per mezzo del vecchio e nuovo colonialismo prima britannico poi americano non sono mai avvenuti forse? (Ah pardon... li hanno fatti inglesi e americani, i "buoni", perciò non sono mai avvenuti...)
No zero... sono popolo di classi B, C, D, e via a scendere... non di classe A++!
Probabilmemte perché gli ebrei sono in effetti il popolo eletto e siamo noi altri, poveri cretini che ancora pensiamo ci debba essere una reale uguaglianza...
Vogliono farci invadere, integrare con popoli completamente alieni ai nostri, con campagne contro il razzismo e via discorrendo, e poi continuano a mettere su un piedistallo il genocidio dell'unico grande popolo eletto diverso da tutti gli altri!
Io sono d'accordo che bisogna ben ricordare la storia, ma questo non vuol dire ignorare e occultare opportune parti di essa!
Io ricordo con dispiacere purtroppo ogni genocidio del 900, di tutte le persone innocenti... ebrei compresi, non unici purtroppo...
Comunque va bene ricordarsi anche solo di questo, se servisse a far comprendere i pericoli di una nuova guerra globale...
Perciò nel giorno della memoria ricordate tutti, soprattutto i deboli, i senza nome e senza religione.

Anonimo ha detto...

proprio schifoso tutto l'interesse "umanitario" per i profughi in transito a Belgrado, in confronto al totale disinteresse per i profughi interni SERBI !!!!!

alex1 ha detto...

Per anonimo: condivido in pieno. Nella Yugoslavia dell'ante Guerra (quella del 1999) in milione di profughi dalla Bosnia dalla Slavonia e dallo stesso Kossovo (che si diceva martoriato per la volonta' dei serbi) si erano riversati nella restante parte della Serbia. A fronte di circa dieci milioni di abitanti. Nessuna iniziativa a loro sostegno, nessun interesse dei media se non malcelato desiderio di vedere la loro rabbia rivolta contro lo Stato Yugoslavo per il rovesciamento dello stesso. Non essendo accaduto questo, hanno dovuto rovesciarlo dall'esterno.

Giulio di nicola ha detto...

Quello che Hai fatto x la yugoslavia e il coraggio di lasciare la rai fanno di te un eroe