sabato 29 gennaio 2011

GELSOMINI 'STA MINCHIA!

L’internazionalismo non è un principio astratto, ma un riflesso teorico e politico del carattere internazionale dell’economia, dello sviluppo mondiale delle forze produttive e del livello mondiale a cui è giunta la lotta di classe.
(Che Guevara)

Dai rozzi rimestatori / falsi paladini, / e spiriti fini e blandi e vili, / dalla feccia che sazia / la sua canagliocrazia / prendendosi gioco della gloria, la vita, l’onore, / dal pugnale di grazia, liberaci o signore!
(Rubén Darìo. Dalle letture preferite del Che. Il “signore” cui si riferisce è Don Chisciotte)

Se il manichino Standa, vestito da maggiordomo di Barbie, è l’unico ministro degli esteri dell’Anonima Omicidi chiamata Comunità Internazionale che insisteva a puntellare prima Ben Ali e poi Mubaraq quando già l’energumeno Hillary Clinton (un “angelo” per il “manifesto” del 2008) aveva buttato a mare questi satrapi-ascari dell’Impero, non è solo perché lui e tutto il verminaio governativo sono degli oligofrenici, incompetenti se non su questioni di mafia e bordelli. Il dramma che vivono, al di là e al di sopra del casotto da trogloditi della politica, della morale e dell’estetica che stanno rappresentando, sfugge alla sinistra tutta, pure a quella dai nomi tautologici “sinistra ecologia e libertà”, “sinistra critica”, “sinistra popolare” e via arrabattandosi tra termini inediti che mascherino l’inanità del contenuto, come se “sinistra” non dovesse già contenere libertà, ecologia, critica e popolo.

E’ peggio, molto peggio, è decisivo, conclusivo. E’ quello dei gaglioffi zannuti che si sono logorati a spadroneggiare rozzamente e incontinentemente sui propri paesi e che, assaliti dalla marea montante della coscienza e della collera delle masse, si sentono d’un tratto sospesi a mezz’aria e poi precipitare: il filo che li appendeva ai burattinai dietro le quinte era stato tagliato dagli stessi burattinai, pronti a riannodarlo alla nuova marionetta, bella lucida e scattante, scovata nel retrobottega. Tutt’intorno al Mediterraneo, fino alle sue propaggini nel Mar Rosso, la rivoluzione covava (e questo nessuno lo racconta perchè darebbe altra profondità strategica alle “proteste per il pane e per la democrazia”) fin dai tempi del mercimonio di Sadat con Usraele, del rovesciamento del nazionalista Burghiba (Tunisia), della liquidazione del percorso di Boumedienne (Algeria), del golpe contro il presidente progressista Al Hamdi (Yemen), delle guerre o aggressioni Usraeliane a cuori e arti della nazione araba (Iraq, Libano, Siria), del genocidio in Palestina fino al megamarzabotto di Piombo Fuso, degli scorpioni secessionisti infiltrati in Sudan dai colonialisti già espulsi, insieme al loro terrorismo etichettato Al Qaida, sparso come alibi per l’ intervento imperialista dal Maghreb all’Asia.






Prima ancora che da bisogni economici, la rivolta è alimentata dal senso di frustrazione di una nazione che è pienamente e universalmente cosciente della sua identità, vocazione e del suo destino di unità, esigenza politica e culturale dell’animo e poi strumento necessario per contrastare il ritorno dei colonialisti e svolgere il ruolo dovuto a livello planetario. Un fantasma, quello dell’unità di mezzo miliardo di arabi, congiunti da lingua, costumi, storia, credo, volontà, che tanto terrorizzava l’Occidente imperialista da occultarne sistematicamente ragioni ed espressioni. Come le enormi manifestazioni che in tutti i paesi arabi rispondevano ai crimini dei necrocrati occidentali in Iraq, Palestina, Libano. Su questo tessuto di base si sono poi inseriti ricami come il disgusto-disprezzo per dirigenti predatori, inetti e asserviti al nemico ontologico, le spaventose condizioni di vita imposte dagli associati a delinquere del FMI e della Banca Mondiale che qui, nel quadro della globalizzazione, affondavano ancora più a fondo che da noi la ruspa del più feroce trasferimento di ricchezza dal basso in alto della storia umana.



E’ razzismo eurocentrico non riconoscere ai rivoluzionari di Tunisi, del Cairo, di Amman, Algeri e Sanaa la dignità di una visione politica e ideologica che alle rivendicazioni di pane, correttezza, trasparenza, diritti umani, fornisce le ali della visione di una nuova società. L’urlo “libertà”, che media e politicanti fantoccio restringono alla scopiazzatura delle truffaldine “libertà” delle nostre democrazie bancarie e dei nostri brogli elettorali indiretti (ma ormai anche scopertamente diretti), per questi giovani che, avendo nel cuore Nasser, Ben Bella, Saddam, Michel Aflak, Hamas e Hezbollah e perfino Averroé e il Saladino, è anzitutto libertà dall’oppressore straniero, secolare e attuale. Libertà da fame, esclusione, despotismo, divisione, come dettati dalla cricca mondialista al vassallo locale. Un vassallo che per forza deve essere delinquente, malfattore ricattato con mille scheletri tra armadio e salotto, tonnara e bordello, cassaforte e cimitero. Vedi l’afghano Karzai, l’iracheno (si fa per dire) Al Maliki, l’albanese Berisha, il kosovaro Hashim Thaci, il pachistano Zerdari, il libanese trombato Hariri, l’honduregno Pepe Lobo, il messicano Calderon…Scheletri da estrarre alla luce quando lo imponga la fase, come quella di un popolo che dice basta ma che si deve assolutamente mantenere nell’ordine imperiale costituito, facendo finta di condividerne le richieste. Quelle compatibili. E dunque, dopo Ben Ali, un suo sodale meno compromesso, dopo Mubaraq magari Mohammed El Baradei.


E i nostri faceti bavosi? Uguale. Dopo Andreotti, Craxi e dopo Craxi, oltre e contro la mannaia dei magistrati onesti di Mani Pulite, riflesso della nostra ultima volontà sovversiva prima del 14 dicembre e prima della Fiom (altro che consapevoli strumenti “giustizialisti” del gattopardo), Berlusconi. Si scaldano ai bordi del campo, osceni fiduciari come Fini, Casini, Montezemolo, Draghi, perfino Bersani. Evitato per ora il turbine epocale che sta scaraventando verso l’immondezzaio della storia i sodali d’oltremare, il rigurgito di fogna che ha saputo installarsi sulla carogna putrescente della prima repubblica sa comunque di avere i giorni contati alla Ben Ali e Mubaraq, alla Karzai e Abdallah, alla Buteflika e Mohammed VI e che alla dittatura mondiale vagheggiata dai necrocrati della cupola mafiocapitalista serve un nuovo, meno sputtanato argine allo tsunami della collera e della lucidità di popoli e classi.


Secessionisti del Sud Sudan con la bandiera di chi
             li arma e manipola

Oggi la partita si gioca tra questi popoli-classe proletaria, la loro volontà di palingenesi, e le manovre di restaurazione operate attraverso l’infiltrazione, la manipolazione che facciano tutto cambiare senza che nulla cambi. I complottisti – questi, sì, autentici, altro che chi rivela il demonio sotto i paramenti del prelato che brandisce la croce dell’11 settembre - nel mondo arabo-islamico sono stati presi in contropiede. Con i finti Al Qaida sparsi da Cia e Mossad per ogni dove si voglia intervenire, massacrare e rubare, con le stragi dinamitarde contro copti e cristiani, con le operazioni secessioniste di Sud Sudan, Darfur, curdi, sciti, beluchi, bande drogatrafficanti di Myanmar, con la compravendita dei gaglioffi palestinesi, con i tribunali internazionali-truffa in Libano, Jugoslavia, Ruanda, Sudan, finalizzati a criminalizzare un settore sociale e innescare frantumazioni nazionali, l’associazione criminale “comunità internazionale” mira al divide et impera del recupero coloniale e del governo capitalista mondiale su quattro quinti dell’umanità polverizzati e imbelli. Ma, dopo quelli latinoamericani, ora anche i popoli della nazione araba, di colpo riunificata nell’insurrezione rivoluzionaria, si sono messi di traverso. C’è da sperare che prevalgano, lo faranno in ogni modo nel lungo termine. Hanno nella memoria collettiva la rivoluzioni vittoriose contro colonialisti e proconsoli di appena mezzo secolo fa. I loro combattenti hanno accettato il prezzo ineluttabile della rivoluzione, la morte. Noi abbiamo alle spalle il Risorgimento, rilanciato dalla guerra partigiana (anche quella tradita dal nostrano equivalente dell’ANP). Ma nella memoria collettiva non abbiamo che nebbie. Quanto al prezzo, per ora ci basta quello che serve a pagare un piatto di fettuccine.


Perché il titolo “Gelsomini’sta minchia”? Perché quella “dei gelsomini” emana il fetore delle rivoluzioni colorate, delle rose, dei gerani, di Ucraina, Georgia e via elencando le messinscena di imperialismo, oligarchie saprofite e plebi obnubilate. Sperano, infangando la rivoluzione con gli slogan dei “diritti umani” e della “democrazia”, dell’”innovazione” bertinottiana, dell’ecumenismo vendoliano e del pacifismo ONG, di recuperare i contenuti incompatibili appiccicandovi l’insegna del mercato delle patacche. La prima della fila? Giuliana Sgrena del “manifesto”. Quella che nella sua “narrazione” (termine-fuffa vendoliano) dei fatti di Tunisi o Algeri, non ha saputo fornirci uno straccio di analisi geopolitica, geoeconomica e geostrategica, preferendo baloccarsi con “rimpasti maghrebini”, la “riduzione della vendita di benzina per evitare suicidi” e l’ottimo Canadà “che userà tutti i mezzi a disposizione per cooperare con la comunità internazionale contro i membri dell’ex-regime”, impedendo, tra le altre cose, “il viaggio di Ben Ali e di sua moglie per assistere in Canadà al parto di una figlia”. Veri compagni, questi canadesi.


Si aprono le tombe, si levano i morti. Ci fosse tra loro pure Stefano Chiarini!

15 commenti:

Maurizio ha detto...

I Miei più vivi complmenti per questo articolo e per l'ILLUMINANTE titolo.. GELSOMINI STA MINKIA davvero.. le stanno prendendo come Allah comanda, finalmente. Tutta la solidarietà agli eroi della rivoluzione Egiziana (e annesse e connesse).. tempi durissimi si avvicinano per il nobile popolo egiziano, ma se davvero riuscirà a reimpossessarsi del suo paese, ci sarà da vedere cosa accadrà al resto del mondo arabo, in Primis la Palestina! Con i Turchi che di nascosto fanno il tifo..

Anonimo ha detto...

fosse che fosse la volta buona che le "genti" svegliate dal mortale letargo buttino TUTTI a mare e si autogovernino !
se agli u-mani squilibrati dall'essersi messi "in piedi" togliete la lingua per dire cazzacattiverie e le mani per impugnare le armi...da lupi famelici diventano pecorelle smarrite...ma noi VEGAN* i cadaveri NON li mangiamo... ci "schifàno" !

Anonimo ha detto...

Da vero siculo ribadisco e confermo 'GELSOMINI STA MINCHIAZZA!!!!!'

Giuseppe

rossoallosso ha detto...

scusate il post molto spartano

http://rossoallosso-lammazzacaff.blogspot.com/2011/01/ma-quanto-costain-termini-di-sangue-sto.html#links

Fulvio ha detto...

Ehi, veganiano, rispetto le tue scelte, ma tu rispetta quelle di chi usa le mani per rivolgere le armi contro chi lo ammazaza, gli ammazza i figli, gli ammazza il futuro. Sante mani, sante armi, che siano, a seconda delle necessità, Kalachnikov, Molotov, pietre, calcinculo, virus. Vai in Iraq e poi rifletti.
Fulvio

Fulvio ha detto...

Ma come "un barlume"? L'avessimo noi.Quello è un incendio abbagliante. Cos'è questa sufficienza?
Fulvio

Sacrabolt ha detto...

Spero che arrivino presto a Rafah e facciamo quello che va fatto. Altrimneti sarà la prova che è tutta fuffa del dipartimento USA.

Segnalo intanto come la macchina floreale si sia già mossa diffondendo un appello a superman ... da notare come unponteper alluda a Birmania [sic!] ed Iran

Ah, Fulvio, grazie per il titolo: ha il difetto di avermi riportato il sorriso...

davide ha detto...

però non ho compreso bene la figura di al baredi,il premio nobel tornato in patria.Mi pare che potrebbe essere il classico agente della quinta colonna yankee-sionista,come vorrei sapere che senso dare alla reazione americana sui fatti egiziani,ci sta a mettè er cappello?
Mi pare però che israele stia tremando o no?Insomma ,carissimi compagni,chiedo venia ma son abbastanza confuso-da quando ci son le rivoluzioni colorate che sputtanano quelle vere, non ci sto a capir più 'na mazza!

Anonimo ha detto...

Ritrovo la sintonia con questo tuo articolo. Finalmente un'analisi completa, che non si ferma alle apparenze.

PS: per la Tunisia, interessante questo articolo di Thierry Meyssan:
http://www.voltairenet.org/article168226.html

Una lettrice.

Mauro Murta ha detto...

El Baradei non sarà Nasser, ma agli squartabambini con la kippah sembra stare parecchio sulle balle (http://www.informazionecorretta.com/). Sempre che non si tratti di una manfrina per farcelo digerire.

Mauro Murta

Anonimo ha detto...

in sintesi la protesta araba, se autentica e non eterodiretta, vuole dire questo: il colonialismo deve finire in modo definitivo e per sempre.
che il mediterraneo diventi non il confine tra l'europa e il mondo arabo; ma il luogo d'elezione di scambio di confronto e magari anche di scontro, ma alla pari.
d'altra parte quelli che hanno solo da perdere siamo noi europei e una guerra non ci trarra certamente d'impaccio.

saluti

alberto

Anonimo ha detto...

Sentito prima dall'inviato di Al Jazeera English che i lavoratori hanno occupato alcune fabbriche in Egitto, con modalità "nuove" per il mondo arabo, che ricordano, secondo le sue parole, le esperienze già viste in America latina...

Una lettrice.

Anonimo ha detto...

prima mejo morti che komunisti
ora mejo morti che vegetariani
anonimo ché se mi firmo non venog pubblicato....!
leggere lao tzu il saggio non compete...altrimenti non è saggio !
è un romanzetto rosa !

Sacrabolt ha detto...

su al Baradei, il suo nome ha rieccheggiato subito su tutti i massmedia, solo questo dovrebbe farci sospettare sulla reale popolarità... il pappagalleggio è tale che nessuno manco si domanda chi lo abbia chiamato, se non dei fumosi "un gruppo di opposizione"... poi viene fuori in una mezza frase della bbc che "non ha raccolto l'attenzione di gran parte della piazza", poi quel finto arresto e a questo punto credo anche finti "bagni di folla" (cosa che chiunque può fare ad un concerto di vasco rossi). Insomma, mi pare che tutta la soldataglia giornalistica si sia prodigata un po' troppo per far passare l'idea di una popolarità inesistente per il personaggio che ricordo, tra l'altro, fu il fantoccio che appoggiò le mortifere menzogne del dipartimen to USA sulle armi di distruzione di massa di Saddam. D'atraparte Baradei ha passto vent'anni della sua carriera in USA e questo lascia il segno.

Anonimo ha detto...

un certo a. negri a radio 24 ha affermato che un notevole numero di fans dello zio di ruby ruba cuori e portafogli ha "con forza" sostenuto il trentennale pirlascony egizio in apposita mani festazione! ma veramente credono che siamo scemi questi emissari del "borninitaly" mossad [eva sereni alcide de gasperi 1948] ?