venerdì 26 agosto 2011

Born in the Usa - Sofri: lo schifo oltre lo schifo

Born in the Usa
In Colombia paramilitari ed esercito hanno ammazzato in 6 mesi 27 sindacalisti, In tutto il 2010 con il narcofascista Uribe ne erano stati uccisi 49. In Honduras una Resistenza appiattitasi sul truffaldino modello elettoralista e partitista dei postgolpisti, salvo valorose eccezioni, soprattutto dello schieramento organizzato indigeno e afrodiscendente e degli studenti, subisce giornalmente la decimazione di militanti, difensori dei diritti umani, giornalisti e soprattutto di contadini del Bajo Aguan che difendono le loro terre dall’assalto delle monoculture di latifondisti e multinazionali. In Messico continua la carneficina delle donne, dei sicari rivali, di civili innocenti, di giornalisti, ad opera della coalizione narcotrafficanti-forze di sicurezza del regime Calderon, installato con frode elettorale e dai narcopadroni di Washington. In Yemen i 37 patrioti sud yemeniti massacrati ieri dall’esercito del fantoccio Usa-saudita Saleh si aggiungono alle migliaia di yemeniti sterminati dai droni Usa e dalle soldataglie del regime: annegata nel sangue, ma in continua espansione, la gigantesca rivolta popolare nonviolenta, devastati i territori tribali degli insorti del Nord, bombardato lo Yemen del Sud dove la maggioranza della popolazione sostiene la lotta armata di liberazione. Per i genocidi e i loro media (manifesto compreso), la copertura sta nel chiamare i rivoluzionari “Al Qaida”. In Somalia si specula su una carestia di proporzioni apocalittiche, ovviamente provocata da devastazioni ambientali causate dall’Occidente, per penetrare, sotto la mimesi degli interventi umanitari, con forze speciali (squadroni della morte) e debellare l’annosa resistenza popolare dei patrioti Shabaab. Alla regione da essi controllata vengono negati gli aiuti con la scusa che gli Shabaab rifiutano l’ingresso alle spie e ai terroristi delle Ong internazionali. Intanto il mercenario regime etiopico fa la sua parte attaccando e sterminando le popolazioni somale dell’Ogaden colpite da carestia anch’esse ma indegne di carità internazionale. Da vent’anni la strategia imperialista punta, a forza di stragi e di fame, a impedire che questa nazione, collocata in posizione di interesse cruciale per i traffici occidentali, abbia pace e sovranità, ne fa una discarica di rifiuti tossici e nucleari, ne depreda i mari (da cui i sacrosanti pirati), gli scatena addosso i vassalli vicini.




A Haiti, dopo aver occupato militarmente l’isola per farne una base anti-latinoamericana e anti-cubana, e dopo aver impedito per lunghi mesi i soccorsi alla popolazione agonizzante, gli Usa, certi conoscitori in anticipo del terremoto e forse suoi provocatori, divorano il paese pezzo per pezzo e favoriscono la diffusione del colera che ha infettato decine di migliaia di persone lasciate senza aiuti, casa, sanità. In Afghanistan, dove ai fini del mercato e delle banche Usa, il regime è stato affidato a una cosca di criminali vendipatria narcotrafficanti, la banda colonialista, in rotta per l’avanzata delle forze popolari di liberazione, uccide con droni e bombardieri quotidianamente decine di civili e altrettanto fa con le incursioni dei droni Cia nel paese alleato Pakistan, violandone la sovranità, come esemplificato in termini grotteschi dall’operazione-farsa Bin Laden. Chi viene risparmiato dai droni, se la deve vedere con gli attentati terroristici che, sulla falsariga dell’Iraq, agenti Cia e Mossad fanno compiere al loro mercenariato locale nelle moschee e nelle piazze affollate. Obiettivo: frantumazione del Pakistan e furto del suo potenziale nucleare in combutta con l’India, usurpatrice del Kashmir e contro la Cina. Il supporto mediatico viene da “giornalisti” del Manifesto come Marina Forti, Emanuele Giordana, Giuliana Sgrena e altri della Lobby, che, islamofobici viscerali, non vedono non sentono non dicono sugli eccidi Isaf-Nato, mentre attribuiscono la grande maggioranza delle vittime a chi lotta contro un’occupazione di marca SS.


In Costa D’Avorio l’assalto colonialista all’Africa si è concretizzato nell’intervento di ONU e forze speciali francesi, sterminatori di migliaia di persone, anche civili, contro il legittimo presidente difensore della sovranità del paese e l’installazione di un licantropo, già dirigente del FMI e fiduciario di Washington. In Siria, ultimo baluardo antimperialista e antisionista della regione, puntello arabo dell’Iran da obliterare presto o tardi, bande di mercenari infiltrati, armati e finanziati dai soliti noti, con il concorso delle satrapie del Golfo, rese apprensive da insurrezioni di massa disarmate che hanno soffocato nel sangue, stanno facendo carne di porco della popolazione civile e delle forze di sicurezza che la proteggono insieme alla sovranità nazionale, ai centomila palestinesi e al milione di iracheni ospitati da Damasco. Non c’è nessuno dei paesi capitati sotto il tiro di Usa, Ue e Israele che, dopo quegli interventi “umanitari” e “portatori di democrazia”, non sia stato infinitamente peggio di prima.



In Iraq, in vent’anni, la “coalizione dei volenterosi” è riuscita a far fuori 3 milioni e mezzo di persone, il 15% della popolazione, ha cancellato dalla faccia della Terra la sua più antica civiltà, ha messo il paese in mano a una banda di ladri e assassini (oltretutto passati al servizio dell’Iran) che hanno provocato la più sanguinosa guerra civile del nostro tempo. I boss di una “comunità internazionale” del tutto fittizia, hanno decretato e fatto accettare all’opinione pubblica la liquidazione dei residui, anche solo formali, del diritto internazionale, dell’autodeterminazione dei popoli, della non ingerenza, dei diritti umani, della sovranità. Nel deserto sociale o postbellico di paesi già liberi e prosperi installano a forza, o con brogli elettorali, despoti tratti dalla criminalità organizzata, alla quale sono affini e che tengono al laccio con il ricatto dei loro guardaroba affollati di scheletri: Karzai, Al Maliki, Jibril, Calderon, Pepe Lobo, Berlusconi, Sarkozy, Abdallah, Saleh…


Ogni tanto, in paesi con governi capricciosi e popolazioni da riportare nella retta fede della “guerra al terrorismo”, cioè della guerra contro tutta l’umanità e il suo habitat, escluse alcune migliaia di necrofagi, si ripete il modello “11 settembre”. Vedi Norvegia e le bombe del terrorismo stragista un po’ dappertutto, dette di “Al Qaida”. Non c’è nessun governante aggredito, diffamato, catturato, “processato”, giustiziato, minato da rivoluzioni colorate o destabilizzato con guerre di bassa intensità, che si possa dire peggiore di ognuno dei governanti della cosiddetta “Comunità internazionale”. La più efferata cupola criminale mai comparsa sulla faccia della terra avanza in oceani di sangue, con la coda della belva retta dal più codardo e ottuso gruppo di ominicchi, ruffiani e quaquaraquà, oscenamente autoproclamatisi “di sinistra”.


Intanto, in Libia
Non c’è un episodio, un luogo, a cui qui sopra di corsa si accenna (e ne mancano altri), che non sia in relazione simbiotica con quanto sta succedendo in Libia, nuova tappa africana e mediorientale per il dominio sulla regione, dopo la conquista della Costa d’Avorio, la normalizzazione delle insurrezioni rivoluzionarie in Tunisia ed Egitto, lo squartamento della Somalia, la repressione nel sangue delle rivolte di massa in Bahrein e Yemen. Tanto per inquadrare la questione e sottrarla alle grinfie perlomeno dei conniventi sinistrati, quelli delle ordalie “democrazia”, “diritti umani”, “dittatura”, va ripetuto all’infinito, va urlato in tutte le direzioni, nelle orecchie di tutti gli zombi pacifisti, “comunisti”, diritto umanisti, mentre imputridiscono avvolti nelle bandiere di un sovranuccolo corrotto e venduto ai colonialisti e nel fango delle contumelie lanciate contro Gheddafi, che tutti i responsabili del terrorismo di portata planetaria con le mani in pasta nei mattatoio del mondo, sono i protagonisti-macellai anche qui. E non solo dalle consolle che da 10mila chilometri, in sale ariacondizionate, sterminano fette di umanità ma, come è stato visto, rivelato e perfino ammesso, con gli squadroni della morte SAS britannici, Seals statunitensi, commandos francesi, sauditi, qatarini, degli emirati. Quelli che hanno messo le spade per i sicari nei solchi di uranio tracciati dagli asettici terminator del Nevada.



Sotto il vestito niente
Frattini, untuoso cicisbeo nella corte dei freaks che nel nostro paese va elemosinando briciole del furto con scasso Nato da coloro che glielo hanno messo nel culo e dai loro pitbull drogati, va ripetendo, con l’ottusità del parvenue che ripete a papagallo le imbeccate del suo signore (un signore come Jibril!), che i presunti ventimila morti dall’inizio del pogrom di Bengasi sono tutti vittime di Gheddafi. Non delle ventimila incursioni Nato sulle città dei civili, non della teppaglia Al Qaida-forze speciali Nato-vendipatria che da Bengasi a Tripoli, non sapendo neanche combattere, ha disseminato la Libia di donne stuprate e di cadaveri inermi sgozzati, arrostiti, smembrati, appesi nelle piazze. Chi vi ha riferito dei 30 soldati lealisti trovati a Bab el Azizieh con le mani legate dietro la schiena e uccisi con un colpo alla nuca? Un barlume in Sky News e basta. Chi, in sei mesi di nefandezze ascari-Nato, vi ha mostrato i video che documentano le orrende atrocità compiute su operai africani neri, civili disobbedienti e prigionieri, donne minorenni, di cui ho inserito alcune sequenze nel mio documentario, traendole da chilometri di materiale digitale? Chi vi riferisce in queste ore della resistenza eroica dei patrioti, della popolazione tutta chiusa in casa a rifiuto dei vessilliferi di un re e di un tempo di abiezione nazionale e di miseria e di chiusura agli stragisti che da 200 giorni ne sterminano figli, mogli, mariti, padri, fratelli, amici.
Qui sotto c’è una testimonianza, diciamo “moderata” e perciò discutibile, della situazione tripolina. Attribuita a una giornalista, non pare avere i caratteri della professionalità, né una visuale esaustiva. Da fonti che, in questi mesi, si sono dimostrate alla verifica dei fatti documentate e attendibili, sappiamo di strade di Tripoli coperte di cadaveri di civili, di donne e bambine prima stuprate, di una città saccheggiata casa per casa, negozio per negozio. Tutto come a Bangasi e a Misurata. Alla guida e all’insegnamento delle orde di tagliagole nel nome di Allah, di Sarkozy e di Obama, i professionistii occidentali di decimazioni collaudati in Iraq e Afghanistan.


Il pifferaio della Farnesina, caricato a molla dal serialkiller Obama, si trascina dietro torme di ratti assatanati di croste scartate da mozzarellari alla diossina: carriera. I primis riconoscenza tra coloro che gestiscono la camera della morte. Flauteggia, per esempio, sui quattro giornalisti italiani malmenati e rapiti dai “gheddafiani” e poi liberati (implicitamente “dai ribelli”). Gli offrono zelanti conferma i quattro esemplari embedded, tentacoli mediatici dei bollettini aziendali del Capitale. Peccato che sulle prime, attingendo da testimoni oculari e oculati, tutte le agenzie e i maggiori giornali dello stesso Impero abbiano comunicato che i quattro avvoltoi delle macerie erano stati presi da malviventi (leggi “ribelli”) e liberati da elementi lealisti. L’avessero confermato, i quattro eroi dell’informazione bellica, chi li sentiva i loro padroni aziendali e politici? Si distinguono tra i ratti, per il rosso marcio, i “democratici”, i diritto- umanisti, i progressisti. Nel “manifesto” che, dopo la volgarmente dispotica intemerata della Rossanda contro chi usava mettere in dubbio la qualità dei “giovani rivoluzionari” e la necessità di brigate alla spagnola in loro soccorso, si va ad altalena tra chi, come Manlio Dinucci o Alessandro del Lago, o Maurizio Matteuzzi, disperatamente cerca di trattenere sulle pagine un minimo di decenza e verità su aggressori e aggrediti, e chi, come Marina Forti, maschera islamofobia ed eurocentrismo atlantico sotto cronache ipocritamente asettiche, senza mai buttare l’occhio sul retroscena geopolitico delle missioni “umanitarie” dei ricchi del mondo. E senza mai inciampare anche in un solo corpo, magari di bambino, frantumato dai persecutori del “Cane Pazzo”. E dire che ne sono lastricate le strade della Libia. Ma non ne vedeva neanche in Afghanistan.



Astarotte che celebra messa
Il colmo del grottesco lo celebra nel “manifesto” il solito Stefano Liberti. Forse per un colpo di questo sole, fatto mostro dalla sapienza ambientalista dei necrofori, forse per un irrefrenabile impulso all’imitazione di “Scherzi a parte”, la direttrice Rangeri ha affidato a questo noto celebratore delle virtù dei “giovani rivoluzionari”, a Bengasi mentre tutt’intorno a lui venivano scuoiati lavoratori neri e uccise famiglie di non consenzienti, un articolo intitolato, tenetevi forte, “La prima vittima della guerra e la verità. Mai così vero come nella guerra libica”. Questo immenso bugiardone, chierico del menzognificio Nato fin dal primo giorno, che ha impestato il mondo di olio di ricino etico per ungere la strada alla marmaglia wahabista stipendiata dai satrapi del Golfo e ai colonialisti di ritorno, ha il coraggio di denunciare menzogne di guerra! Quali poi! Elenca rapidamente un paio delle balle demenziali già sputtanate, come il viagra da stupri collettivi, o le città conquistate solo nelle immagini taroccate del canale del tiranno del Qatar, o i “mercenari africani di Gheddafi”. Ma questa strepitante prefica, che lamenta le bugie e “l’assoluta impunità” che ne copre i propagatori, fa pure il furbetto e, sbandierando, con mano sporca di mendacio, fa suo quello che definisce il “travisamento quasi patologico della verità”, mettendo sullo stesso piano le menzogne dei “giovani rivoluzionari” (mica della Nato, che sia mai!) e quelle di Gheddafi. Anzi, queste ultime risultano le più efferate: il leader che avrebbe ordinato di “snidare i drogati strada per strada” (un falso smentito dalle registrazioni: aveva promesso l’amnistia a chi cedeva le armi e l’arresto a chi le teneva e usava contro il paese), Bengasi che si sarebbe “sollevata in massa”, quando da Bengasi sono fuggite 50mila famiglie terrorizzate dagli orrori compiuti dai golpisti. Ma l’astuzia massima del “giornalista” del “quotidiano comunista” è quella che corona il finale. Perché i ribelli hanno mentito? Ma è ovvio, perché sono cresciuti “nel contesto di una Repubblica delle Bugie”. La “bugia istituzionale è diventato il loro modello di riferimento”… e loro, poveretti, “non hanno fatto altro che riprodurlo”. Già perché la Nato, loro Santo Subito, i regimi che compongono questo democratico concorso di civiltà, sono la più trasparente fucina di verità. Il paradosso con le stellette, Liberti, un passettino avanti però l’ha fatto. Gli va riconosciuto: dopo decine di farfugliate d’amore per i giovani rivoluzionari di Bengasi, stavolta a questi “giovani rivoluzionari” ha messo le virgolette. Deve essergli costato! Mettere uno così a scrivere di menzogne e verità e come affidare a un prete irlandese un orfanotrofio. Il potere ci si diverte.




Lo schifo oltre lo schifo
Non c’è niente di più simile alla rete fognaria di una metropoli monnezzara e cagona, che la rete mediatica dei nostri giorni. Ci sono canali con acque più o meno nere. Qui parlo della cloaca massima. Di un gaglioffo strascreditato, sia per la prosa tortuosa e fuffarola, sia per ciò di osceno quella esprime, condannato x-volte per omicidio e scampato alla totalità della condanna grazie ai suoi atti di sconcio asservimento alla criminalità organizzata ufficiale, burina o cosmopolita, c’era da aspettarselo- Ci sono anni di precedenti del suo sicariato mediatico (“Panorama”, “La Repubblica”, “Il foglio” del commilitone Ferrara) ovunque la necrofagia dei predatori finanziari e militari potesse avvantaggiarsi dei suoi miserabili puntelli. Adriano Sofri, spurgo tossico dell’intellighenzia nazionale, dopo essere stato il leader di un’organizzazione di cui si fece indegno, Lotta Continua (ero al giornale con lui, lo presi a cazzotti per la sua dispotica arroganza), è risalito la scala della rispettabilità pubblica offrendo lieto, piolo dopo piolo, il prezzo dell’autodistruzione morale e politica. La scala è lunga quanto gli anni che lo separano dai servizietti a Craxi. Un ristretto florilegio: le falsità, commissionategli dai servizi segreti bisognosi di pretesti per distruggere Jugoslavia e Serbia, sulle stragi del mercato di Sarajevo, 1993 e 1995, attribuite ai serbi e provate dall’inchiesta ONU responsabilità del compagno fascista Itzebegovic; la satanizzazione di Saddam e dell’Islam, il soffietto democraticista alle destabilizzazioni e ai golpe delle varie rivoluzioni colorate, l’avallo alle mistificazioni dell’11 settembre e seguenti, la militanza alla Apelius per ogni crimine di guerra, l’intimità con i nazisionisti perfino su Gaza… Non se ne è lasciata mancare una, Sofri, di occasioni per dare il suo contributo alle dittature e ai terrorismi del Capitale.


Riassumo le tracce che questo muselide ha evacuato su La Repubblica il 24 agosto scorso. “Sogno una polizia del mondo, catastrofica la rinuncia ad abbattere Gheddafi, irresponsabile non distruggere con tutti i mezzi la tirannide sanguinaria di un buffone, buffone sanguinario che pianta le tende a palazzo Marigny, mentre Sarkozy sfotte l’ottimo Bernard Henry Lévy che lo rimprovera di averlo ricevuto” (questo pagliaccio reazionario, pseudofilosofo come il nostro cacasenno da robivecchi della letteratura, caricatura goblin del pensiero politico, cantore di ogni infamia, è di Sofri il modello supremo). E poi avanti: “fare stragi di civili per abbattere regimi è la contraddizione largamente inevitabile nelle relazioni internazionali; chi vi si sottrae per rispetto alla cosiddetta sovranità nazionale (cosiddetta!) si fa complice attivo di crimini immani”. Trema, Sofri, al pensiero di “cosa sarebbe accaduto alla popolazione indifesa di Bengasi se la Nato non avesse impedito ciò che Gheddafi e i suoi ferocemente giuravano”. Che Gheddafi non ha mai giurato, né immaginato, ma che i briganti del golpe hanno attuato oltre ogni immaginazione splatter darioargentesca.




Non rinunciando a nessuna leccatina ai piedi di coloro a cui deve farsi perdonare, non tanto l’assassinio (si trova tra compari), ma di aver alimentato e organizzato una speranza rivoluzionaria, Sofri pietisce attenzione e remunerazione ai carnefici dissotterrando altri pezzi dall’obitorio: “Sebrenica, Ruanda, Kosovo, il Tibet, gli Uiguri”. Autocastratosi sul piano dell’originalità ideologica, Sofri è ridotto a copiare gli ordini di servizio di Cia, Mossad, MI6 . E meno male che c’è un Tribunale Penale Internazionale che incrimina esclusivamente personaggi dalla pelle più scura e che non stanno alla disciplina della Gestapo planetaria. Peccato che questa benedetta polizia del mondo, dall’ “efficacia universale” contro chi sfugge al brigantaggio di cui Sofri è canarino, quel debosciato di Ban Ki Moon non sappia metterla in piedi. Ma menomale – è questa è grossa – che “Obama ha mostrato di stare dalla parte della primavera nordafricana”. Di quella normalizzata dai generali e fantocci USA-UE in Egitto e Tunisia. Mica dell’altra, quella che l’Obama arabo e primaverile ha lasciato e lascia triturare in Bahrein e Yemen, con migliaia di morti, di cui ci si compiace, mentre si è goduto dei diritti umani importati a Gaza da Piombo Fuso sulle ali dei bombardieri e dei missili d’uranio e fosforo forniti dagli Usa. E menomale che Sarkozy – e questa è ancora più fetida – “forzò la mano a Lega Araba e ai liberatori e salvatori dei diritti umani del Qatar e degli Emirati”, peraltro impegnati a sterminare ribelli dalle loro parti, “e proclamò l’impegno giacobino della Francia ovunque siano minacciati la libertà dei popoli e la democrazia”. Aspettiamo una prossima rettifica storica dell’eccidio degli indiani d’America, inizio di un pallottoliere sul cui il nostro vorrà calcolare i trionfi della democrazia Usa.. Poi l’omuncolo si adira: “Ma come la Libia sì e la Siria no?” Per favore, anche se non c’è il petrolio (questa gli è sfuggita), “in Siria sì”. 20mila morti, almeno, in Libia non bastano a questo botolo mannaro. Il lugubre ruffiano, come ho detto, non si nega nulla e a forza di “interposizione e prevenzione” da generalizzare (alla jugoslava o irachena, 1.5 milioni di vittime dell’embargo) arriva all’auspicio che lo consacra quanto da trent’anni cerca di essere: al meglio un buffone di corte, al peggio un bruffolo della metastasi del capitalismo impegnato nell’estinzione planetaria: “l’intervento di terra, fosse pure a costo della sporca nozione di guerra mondiale”. Quel “sporca” era un atto dovuto all’ipocrisia, che si sa madrina del vizio. Giacchè “ l’esclusione di ogni intervento di terra”, per completare la mattanza, “è un feticcio ingiustificato e anche odioso, espressione del culto imbelle dei nemici di principio di ogni ingerenza”.


Il sogno supremo di Sofri? Un paese democratico e custode dei diritti umani come il Qatar, generosamente precipitatosi in soccorso di una Libia che detiene un petrolio assai più apprezzato del suo, che non aspetta altro che installare sul trono della repubblica rivoluzionaria l’erede dell’illuminato monarca Idris e che dunque viva la vita felice dei sudditi di una famiglia Khalifa Al Thani che dal 1824, per grazia di ottomani e inglesi, ha potuto servire efficacemente i padroni coloniali facendo dello Stato proprietà privata sua e dei soci di maggioranza esteri e dei suoi abitanti un popolo disperso che nome non ha. Per Sofri, l’emiro del Qatar è del mondo arabo, anzi, del mondo, il battistrada.
Ce n’è per vomitare ancora. Quanto, tuttavia, qui si è rigurgitato di sofrismo dovrebbe bastare per annichilire nella vergogna anche l’ultimo stronzo nostalgico del “leader di Lotta Continua”. Questo è il suo finale: “Siamo liberi, abbiamo gridato noi nel 1861, o nel 1945… furono belle giornate”. Già, per te che ti maceri nel rimpianto di non aver potuto essere un Crispi, o un Junio Valerio Borghese


Chi è Jibril
Mahmud Jibril, capomafia di Bengasi. Abbiamo visto questo ominicchio da Berlusconi elemosinare, in cambio di qualche litro di benzina, 350 milioni di dollari rubati al popolo libico (mentre nella Commissione Sanzioni dell’ONU solo il Sud Africa è riuscito a stoppare la rapina Usa di 1 miliardo e mezzo di dollari del Fondo Sovrano Libico, congelati dai predatori per trasferirle nelle tasche proprie e in quelle dei mercenari libici e di altri briganti di strada). Questo burattino sta guadagnandosi rapidamente il riconoscimento occidentale di partner affidabile, come il narcos Karzai o l’assassino di massa Al Maliki, nella depredazione del proprio popolo. Direttore, nel governo libico legittimo, dell’Ufficio Nazionale per lo Sviluppo economico da anni l’infiltrato lavorava alla demolizione delle conquiste sociali, della sovranità e dell’autosufficienza della Libia. Addestrato negli Usa a “Pianificazione Strategica e processi decisionali”, corso per rapinatori imperialisti, era diventato l’interlocutore privilegiato di aziende di consulenza internazionali, prevalentemente britanniche e statunitensi, cioè dei paesi che rosicavano per essere tenuti ai margini della greppia libica. Come tale, ha speso le sue migliori energie al servizio di multinazionali e regimi occidentali, ansiosi di ricondurre la Libia renitente, attraverso rapine, liberalizzazioni, privatizzazioni, esclusioni di potenze rivali, soffocamento della strategia gheddafiana di autonomia panafricana, liquidazione di ogni struttura pubblica, all’ordine della globalizzazione neoliberista, cioè alla condizione di stato fallito e di colonia da predare. Bloccato e neutralizzato da Gheddafi due anni fa, insieme alla risma di sciacalli riunitasi attorno a lui e impedito dal fare altro danno, ha colto il primo istante del colpo di Stato per precipitarsi a Bengasi e concordare con la teppa alqaidista (scuola Cia) e con i razziatori internazionali la spartizione del bottino. Oggi va in giro attuando quanto promesso agli Usa nei cabli del 2008 venuti alla luce: Venite, stiamo cacciando Russi, Cina, India, anche quel po’ d’Europa, non c’è che da investire, anche in infrastrutture, sanità, istruzione, immobili, il petrolio per voi è gratis, e i giovani libici li istruiremo tutti nelle università americane. Quelli che non avremo sgozzati perché parte dei 6 milioni di libici che stanno con Gheddafi, che ancora Gheddafi guida e che con tanti Gheddafi renderanno rovinosi vita e furto dei crociati negli anni a venire.
.*********************************************************************
Qui sotto una testimonianza diretta da Tripoli, da prendere cum grano salis. Ambiguità o ingenuità?

Testimonianza da Tripoli invasa e devastata
Posted on August 25, 2011 by libyanfreepress| Leave a comment

IN GIRO PER TRIPOLI MESSA A FERRO E FUOCO
di Jacinta Ryan per LibyanFreePress
Sono andata a fare un giro in città!
Ero partita per aiutare alcuni miei amici e colleghi al Rixos, per collaborare ad evacuarli e andare all’hotel Corinthia
Ma sono arrivata tardi e la CROCE ROSSA li aveva già portati al Corinthia: erano tutti fuori.
.
Facce stravolte, appena mi hanno visto mi hanno abbracciata, allucinati! Pensate che Thierry e Mahdi sono stati minacciati da altri giornalisti!
Gli unici giornalisti che ho salutato sono stati quelli di Telesur e uno di CNN, che ho salutato a denti stretti.
Il tragitto che ho fatto, l’ho fatto facendo strade normali, e ci siamo spostati anche sul lungomare.
L’autostrada era stata chiusa, bloccata dalle barricate dei ribelli.
Tutta la città, a parte il quartiere di Buslim e l’hotel Rixos, è sotto il controllo dei ribelli: ci sono check points ogni 100 mt, resti di combattimenti dappertutto e di barricate. Avevano usato containers della MSC, macchine, auto, alberi, ecc., per creare barricate.
Ci sono bandiere monarchiche dappertutto, dipinte su tutti i muri!
La città è veramente un campo di battaglia! Una desolazione!
I ribelli sono tutti giovani, su pick up con artiglieria leggera e pesante! Con loro ci sono pochi adulti. Carne da macello. Che pena mi fanno.
Alcuni di loro forse hanno fatto questa che credono sia una “rivoluzione” perchè vogliono il “cambiamento”, vogliono belle strade, lavori ben pagati, vogliono discoteche, alcool, vogliono una vita come da noi, cioè consumistica e aspirano a quelle inutili e deleterie porcherie che col governo di Tripoli erano limitate.
Chi dirà loro: “grazie, puoi tornare a casa e a scuola, ora prendiamo noi il potere e tu puoi andare a zappare la terra”?
Il problema è che questi “ribelli” di lavorare sul serio e duro non ne hanno proprio voglia: è più facile fare i “rivoluzionari”, sparare in aria e beccarsi la paga da mercenari dagli alleati Nato. Qualcuno spera in un posto nel futuro esercito o polizia, per continuare a fare nulla di costruttivo. Perchè oltre che distruggere e uccidere senza scrupolo chi si oppone alla loro “rivoluzione petroliera”, Nato-Alqaedista, non sono capaci a fare altro.
Hanno al momento il potere, controllano ogni auto e ogni portabagaglio.
Per poter andare in giro tranquillamente io e mio marito abbiamo dovuto accettare un compromesso con un vicino di casa, anti-Gheddafi (ma non “rivoluzionario” fanatico).
Lo so non è bello, ma volevamo vedere con i nostri occhi la situazione in città: sono andata in giro con questo amico, a cui non piace il governo libico, perchè ho amici su entrambi i fronti.
Prima ai check points ti lasciavano passare se avevi la bandiera verde (falso), ora ti lasciano passare se hai quella a strisce monarchica.
Dicono: Allah Akbir, cioè Allah è grande!
Vorrei però sapere che cosa c’entra Allah in questa guerra!
La città è attraversata in lungo e largo da migliaia di pick up con sopra individui armati. Poche auto con “tripolini” con la bandiera monarchica, solo alcuni giovani per strada. Gli adulti sono maggiormente chiusi in casa. I veri tripolini non supportano questi invasori.
Sembra una città fantasma. Che tristezza…..

Sperano che questo sia il momento di inizio per una era di ricchezza, di….tutto!
Non si rendono conto che tutto ciò, a differenza dei loro vicini algerini, marocchini, tunisini, egiziani, loro l’avevano già, o erano sul punto di averlo più pienamente appena le commesse e i contratti, stipulati con varie nazioni in questi ultimi anni, avessero dato i loro frutti.
Ben lo sapevano i petrolmonarchi e signori del petrolio e delle banche occidentali che hanno provocato, finanziato, armato e coperto (con bombardamenti intensi che hanno fatto migliaia di morti civili libici) questa sporca “missione umanitaria”, per rubare le risorse energetiche libiche e stoppare i progetti di Gheddafi di sviluppo per la Libia e l’Africa intera.
Gli adulti di Tripoli sono quasi tutti chiusi in casa…
Prima erano in piazza quelli con le bandiere verdi e in casa nascosti quelli con le bandiere a strisce, ora è esattamente il contrario!
In ogni caso in strada non ci sono FIUMI DI PERSONE, come succedeva prima!
Banche e uffici sono tutti chiusi. negozi sono chiusi al 90%
Quei pochi che supportano questi teppisti armati, che stanno devastando e saccheggiando la Libia, consegnandola incaprettata nelle mani dei vampiri petrolieri euro-yankee, davvero credono che gli uomini che comandano a Bengasi, i quali erano stati emarginati precedentemente dal governo di Gheddafi perchè ladri e corrotti, porteranno loro libertà e benessere più di quanto non ce ne fosse prima.
L’ignoranza e la creduloneria, insieme all’avidità e alla corruzione degli animi, fanno le stesse vittime ovunque nel mondo. E ovunque nel mondo è la stessa organizzazione di uomini di potere e d’affari che spreme e sfrutta il genere umano come polli d’allevamento.
Jacinta Ryan, free-lance australiana, sposata con un libico, professore alla Alfateh University, è da sei anni residente nel centro di Tripoli..

19 commenti:

alex1 ha detto...

Ciao Fulvio,
Il panorama della "sinistra" italiana e' desolante, lo sappiamo. Ricevo spesso delle mail da "conques" un sito che pubblica degli articoli da vari giornali come una macedonia (il "Manifesto", "Repubblica","Liberazione" i piu' gettonati) ed in questi mesi ho controllato tutti gli articoli selezionati. Si parlava delle stragi naziste del'44 di attacco al welfare e di tante altre cose, ma da maggio a ieri non uno sulla guerra in Libia. Rimossa. Oggi, invece, articoli tratti dal "Manifesto" sulla Libia che parlano del "dopo", preoccupati di come verra' diviso il bottino di guerra (e che all'Italia tocchera' poco, colpa delle "cattive" Exxon, Total) e le difficolta' sulla costruizione di un paese "veramente" democratico. Che squallore! Ma la partita non e' ancora chiusa, ci sara' resistenza per molto, la Nato non potra' mandare a casa la soldataglia del Quatar ed i mercenari vari, salvo sostituirla con proprie truppe (operazione costosa e rischiosa). Una nota positiva viene dal Sudafrica che si rifiuta di consegnare i fondi libici ai golpisti, nonostante le velate minacce della "comunita' internazionale". Dopo l'intervento in Costa D'avorio (favorito dai caschi blu dell'ONU, tanto invocato a sinistra)a rovesciare un governo legittimo e l'aggressione alla Libia, mi sembra l'Africa sia sotto il mirino dell'imperialismo. E gli africani lo hanno capito.
Alessandro

Frase Distorta ha detto...

Grazie per l'articolo, Fulvio. C'è solo da trepidare, perché la Libia resista con tutte le sue forze a questa ondata di devastatori assassini.

Quanto a Sofri, che ho sempre ignorato e non ho mai letto, il suo intervento servile e "diabolico" che hai riportato da Repubblica, lascia attoniti, per come si possano esprimere corbellerie simili incastonate in un orrore così profondo, ma allo stesso tempo suscita crasse risate disperate e mute: sembra quasi un testo di humour nero scritto da uno Swift del 2011, solo che, ahimè, non è così...

Fulvio ha detto...

Benissimo, Alex1, grazie. Ma, ricordati: Qatar, non Quatar, non è una stella e neanche un pianeta di Star Wars. E' solo un cesso. Non dar retta ai nostri giornalisti analfabeti.

Anonimo ha detto...

Caro Ministro degli (eccidi) Esteri Fratt(aglie di bamb)ini, "Signori" Presidenti Na(zi)politano e Sarko(ma)zy le avete viste le immagini di quei corpicini straziati. Ce ne sono moltissime altre in rete. State eguagliando Dresda, Hiroshima e Nagasaky. O forse le avete già superate. Ma avete già perso. Un museo degli orrori rifiuterebbe inorridito d'accogliervi! Vent'anni fa avete partecipato ad un funerale, allegri, esultanti e baldanzosi; ma il morto non era morto. È più vivo che mai. L'esistenza di quei poveri bambini che avete massacrato è durata poco. La vostra infamia durerà in eterno.

Ludovico

Anonimo ha detto...

La Libia di Gheddafi:
-Indennità di disoccupazione: 730$ mensili
(in Libia la vita costa 1/3 rispetto a qui)
Pil pro-capite: 14.192$ – DEBITO/PIL: 3.3%
(secondo il sito della CIA al 2010 è il paese meno indebitato al mondo)
https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/rankorder/2186ran…
-Ogni membro di una famiglia riceve dallo Stato 1000$ annuali
-Per ogni nuovo nato lo Stato dona alla famiglia 7000$
-Gli sposi ricevono 64.000$ per l’acquisto di una casa
-Istruzione ed università all’estero a carico dello Stato
-Prezzi simbolici dei prodotti alimentari base per le famiglie numerose
-Erogazione gratuita di prodotti medicinali e farmaceutici
-1 litro di benzina costa 0,14$ dunque è più economica dell’acqua
-Energia elettrica gratuita
-All’apertura di un’attività personale si riceve un finanziamento statale di 20.000$
-Per l’acquisto di una vettura il 50% è versato dallo Stato
-Prestiti per l’acquisto di un auto o di una casa senza alcun interesse
-Imposte e tasse extra PROBITE
http://tipggita32.wordpress.com/2011/04/22/eloquent-facts-of-the-socialist-li…

L’enerome consenso che il grande Gheddafi riscuote presso il suo grande popolo:
http://www.youtube.com/watch?v=cHYZb-vLLJE&feature=channel_video_title

Studenti libici arrestati in itaGlia per aver difeso la Verità uccisa dai giornali itaGliani:
http://nazionesiciliana.splinder.com/post/24694697/liberate-e-lasciate-in-pac…

Falsificazione della Realtà:
http://www.megachip.info/tematiche/guerra-e-verita/6661-nebbia-di-guerra.html
La piazza dei festeggiamenti dei “ribelli” non si trova a Tripoli.

Tipico crimine dei ribelli affibiato a Gheddafi dalla proapaganda calunniatrice:
http://www.youtube.com/user/Soldior#p/f/0/ItP6EvslHD4

Il colonello Gheddafi: «Morte o vittoria contro l’aggressore».
L’unica soluzione per arrivare alla pace è che la NATO si ritiri e la smetta di compiere genocidi.

Crimini dei ribelli a Bengasi su questo canale:
http://www.youtube.com/user/TheLibyaSOS

Crimini della NATO:
http://www.youtube.com/watch?v=Nycrs_Bo5uE&feature=player_embedded#at=180

Fonte: http://www.youtube.com/user/Ryuzakero

Reloaded by: http://www.youtube.com/user/libyanfreepress

davide ha detto...

sofri,mughini,lerner,carlo panella(?),mi pare anche giorgio medail.Lotta Continua non meritava di essere sputtanata da codesti individui di uno squallore oltre l'immaginario.
Soffri poi è veramente un mentecatto,il suo articolo però ha un "pregio":mostra la vera faccia ,(da pirla) dei democratici.
Non comprendono che son ascari dei morti viventi,del colonialismo occidentale morente che tenta la carta di una violentissima repressione mondiale ,disperato tentativo di non perdere i privilegi che abbiamo ottenuto con la rapina colonialista e lo sfruttamento/schiavismo interno delle classi.Per tradizione,essendo vigliacchi ,la nostra ferocia viene mascherata con cause nobili:prima portare la civiltà,poi la democrazia,la libertà eccetera eccetera.
Un comunista ,anche il più buzzurro,dovrebbe comprendere questo fatto e naturalmente sostenere quelle forze che in quel dato contesto politico sono attaccate dal colonialismo.
Non si stava con l'i.r.a. dei cattolicissimi irlandesi?Si perdeva forse tempo a dir:eh no con i cattolici giammai?Non penso,si riteneva fondamentale sostenere la sacrosanta resistenza irlandese.
Inghilterra,Francia, e le loro figliastre zoccole:usa e israele,sono abilissime nel sottomettere,eliminare,schiavizzare popoli e nazioni,usando la schifosa ipocrisia umanista.L'Italia invece è la serva ascara terra di scherzi della natura come certi nostri ministri sanno essere.

La faccenda dei giornalisti è il classico cacio sui maccaroni.Guarda caso con tutto il casino che succede a Tripoli ci volevano pure sti 4 che ,guarda caso,vengono rapiti dai cattivoni lealisti
Mo basta,abbiate pietà di chi non è ancora zombizzato !

Profetici i film di Romero!^_^

rossoallosso ha detto...

Un avvelenato SofFrattino che per poco ci lascio le penne ;-).In merito all'inviato del corriere l'ho sentito con le mie orecchie dichiarare che a salvarli son stati i lealisti,questo al mattino,arrivando a sera hanno fatto un miscuglio che alla fine tutto si ribalta,alla faccia dell'informazione.
Tripoli è un tricarne posso solo immaginare le sofferenze nonostante ciò spero che i tripolini possano resistere il più possibile,più resistono più la nato fatica a coprire le menzogne,
guardate qui che son costretti a inventarsi:

http://aangirfan.blogspot.com/2011/08/little-cheering-in-tripoli.html

Anonimo ha detto...

sofri fa delle ilari allegorie sulle spalle della povera gente.
egli, in quell'ultima frase, le belle giornate del 1945 o del 1861, sono sintomatiche di un particolare contesto narrativo molto significativo: pur di arrivare all'obiettivo tutto è concesso: un neo machiavellismo torbido con trasparenze nichiliste che farebbe rabbrividire anche il buon nietsche; forse lo prenderebbe anche a schiaffi!
tant'é.

non mi pare però che vi fossero civili napoletani intorno al 1861 che inneggiassero ai borboni contro i piemontesi e garibaldi; e non mi pare vi fossero civili italiani che si riunirono in brigate partigiane fasciste contro gli alleati o contro i partigiani stessi.

questo per dire che la liberazione dell'italia dai borboni prima e dai nazifascisti dopo, non ha nulla a che vedere con la rivolta libica e non c'è nessuna compassionevole gioia nel vedere la popolazione civile bombardata dalla nato in ragione di un mezzo utilizzato per un fine, la caduta di gheddafi, non affatto avallato da una grandissima parte della popolazione stessa.
se la rivolta fosse stata di popolo, come in egitto o in tunisia, gheddafi sarebbe scappato come mubarak o ben alì, ma ciò non è accaduto, perchè? nessun sofri se lo domanda?

seguitando a comparare le vicende italiche alle libiche diciamo che quando mussolini cadde fù aiutato solo dai nazisti: il popolo italiano lo aveva già condannato dopo il 25 luglio 1943.
gheddafi non è stato condannato dal popolo ne tantomeno da un gran consiglio di natura politica: è stato condannato da una coalizione straniera che aveva già probabilmente preparato da tempo la sovversione.

il tradimento dei suoi ministri e collaboratori più stretti era parte del piano e questo la dice lunga sui buchi che la sua intelligence aveva da molto tempo a questa parte.
gheddafi era dalla parte del popolo e per questo si è indebolito; un popolo che lo ha sostenuto fino all'ultimo contro i "cani pazzi", quelli veri, dei rivoltosi prezzolati da agenti stranieri.

infine una domanda a sofri gliela faccio io: sofri, lei si chiede: perchè la libia si e la siria no; io le chiedo: perché la libia si e l'arabia saudita no? forse che l'arabia saudita è l'esempio fulgido di libertà e democrazia per tutto il medio oriente?

saluti alberto

Mauro Murta ha detto...

Ecco due interessanti letture della situazione in Libia:
una consolatoria di Gianluca Freda (http://blogghete.altervista.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=862:gianluca-freda&catid=32:politica-internazionale&Itemid=47)
e una apocalittica di Giulietto Chiesa (http://www.megachip.info/tematiche/guerra-e-verita/6683-come-in-iraq-e-uninvasione.html).

Mauro Murta

Anonimo ha detto...

a me sta' giornalista australiana che come il colosso di rodi sta con 1 piede di qua e 1 piede di là... non piace... ho amici qua e amici la...NON SI PUO' o stai qui o stai li...millimetricamente!!!!!
ma a El Mu piacciono le mercedes? io pensavo piacessero le "escort" ah ah ah ah! sono 24 ore che ci asfissiano con la stessa notizia... le mercedes....! abbiate mercedes... non se ne puo' piu'!!!!!! mi auguro [ché odio il verso sperare] che non abbiano già preso El Mu per tirarlo fuori al momento opportuno, alla Saddam! certo El Mu è uno stratega con più esperienza, visto il servizio riservato a Saddam Hussein..., sicuramente tradito da chi gli era vicino...e l'esperienza, anche altrui insegna. peste li colga ai ratti bombardatori assassini Forza Ireneeeeee!!!!!!!

daxprimo ha detto...

bell'articolo,l'ho' letto con avidità,come un avessi letto un libro inchiesta su politica o religione (mi interessa parecchio l'argomento),che i mezzi di informazione siano pilotati è un fatto assodato "vedi rivoluzione islandese",ma la domanda sorge spontanea.......che si fà?,ognuno di noi scrive il suo pensiero e,a volte la terapia ma,a mio modesto parere manca la capacità di propaganda,quella propaganda tanto cara al nazifascismo che aveva capito benissimo il suo potere,manca,alle menti libere,uno scopo comune,un fine. ognuno dirà la sua e diviso dagli altri,verrà zittito dal tempo. con stima. daxprimo.

Maurizio ha detto...

Quello che hanno fatto alla Libia è mostruoso, mi domando e ti domando, Fulvio, se vi è la possibilità che si sviluppi una guerriglia come quella Irakena..

Filippo Bovo ha detto...

Anch'io condivido pienamente l'intervento di Alessandro: l'Africa è sotto il mirino e l'intervento contro la Costa d'Avorio ha dato a molti africani una presa di coscienza utile anche ad analizzare criticamente e in modo politicamente e culturalmente "non occidentale" anche quanto stava avvenendo in Libia. Penso per esempio al Sudafrica, che dall'astensione al consiglio di sicurezza ONU è passata al rifiuto e alla condanna.
Oggi Unione Africana e molti Stati del continente ribadiscono la loro volontà di non voler mai riconoscere il governo golpista e usurpatore del CNT; alcuni sono andati oltre, mandando propri aiuti ai combattenti di Gheddafi (per esempio l'Algeria).
La resistenza durerà a lungo, fintantochè ci saranno invasori e collaborazionisti. Gheddafi è il nuovo Omar Al Mukhtar.
Ciao, Filippo.

Anonimo ha detto...

Forse era troppo lungo. Riinvio accorciato.
La Libia di Gheddafi:
-Indennità di disoccupazione: 730$ mensili
(in Libia la vita costa 1/3 rispetto a qui)
Pil pro-capite: 14.192$ – DEBITO/PIL: 3.3%
(secondo il sito della CIA al 2010 è il paese meno indebitato al mondo)
https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/rankorder/2186ran…
-Ogni membro di una famiglia riceve dallo Stato 1000$ annuali
-Per ogni nuovo nato lo Stato dona alla famiglia 7000$
-Gli sposi ricevono 64.000$ per l’acquisto di una casa
-Istruzione ed università all’estero a carico dello Stato
-Prezzi simbolici dei prodotti alimentari base per le famiglie numerose
-Erogazione gratuita di prodotti medicinali e farmaceutici
-1 litro di benzina costa 0,14$ dunque è più economica dell’acqua
-Energia elettrica gratuita
-All’apertura di un’attività personale si riceve un finanziamento statale di 20.000$
-Per l’acquisto di una vettura il 50% è versato dallo Stato
-Prestiti per l’acquisto di un auto o di una casa senza alcun interesse
-Imposte e tasse extra PROBITE
http://tipggita32.wordpress.com/2011/04/22/eloquent-facts-of-the-socialist-li…

alex1 ha detto...

Furio Colombo, vantandosi di aver votato contro il trattato di amicizia con la Libia a suo tempo per il trattamento dei migranti nei centri di detenzione, (come se a Pantelleria fossero trattati con i guanti dal democratico stato italiano, per non parlare dei migranti lasciati affondare...) afferma che la Libia e' diventata da un'alleata ad una colonia. Tutto sarebbe bene per lui, ma il suo unico rammarico e che questa colonia deve essere condivisa con Gran Bretagna e Francia (chissa' perche dimentica gli Stati Uniti...).La Annunziata dice apertamente che e' un attacco tutto esterno alla Libia. Quando si dice parlare chiaro, la guerra e' ancora in corso, e le "motivazioni umanitarie" sono gia' sbiadite. A sinistra non sentono ragioni si baloccano con l'O.N.U., diritti umani, Amnesty International, democrazia...
Venerdi' a Los Angeles davanti al Federal Building una manifestazione di circa trecento persone per una Palestina unita libera dal Sionismo, aperta a tutte le religioni ed i popoli, e per la liberta' degli attivisti di Al-Aqsa (che non so bene chi siano). Rispetto ai pacifisti nostrani (ancorati alla visione di due stati per due popoli) che aspettano come una manna dal cielo il riconoscimento dello Stato palestinese di Abu Mazen all'O.N.U., mi sembra siano un passo piu' avanti. Vorrei chiedere se qualcuno sa se il ragazzo libico (Nuri, mi sembra il suo nome) incarcerato per avere parlato al telefono di organizzare una manifestazione davanti all'ambasciata dei golpisti sia stato liberato...
Alessandro

Anonimo ha detto...

Ed ora sara' la volta della Siria. Gia' hanno formato un "Comitato di transizione nazionale" e gia' cominciano a costruire le menzogne. Stavolta sono le armi chimiche . Tantissima fantasia!! Ma non l'avevamo gia visto questo film?
Ma se e' cosi' facile perche' non formiamo un Comitato di transizione anche in Italia?? Magari ci danno armi, soldi e addestratori cosi' ci liberiamo una volta per tutte dello stupratore di Arcore. E non ce' bisogno di mentire.... con tutte le atomiche nascoste!!!!!

Anonimo ha detto...

Ludovico conciso, efficae... bravo!

Anonimo ha detto...

Cari voi,
il Gen. Wesley Clark (mica Lenin) ha dichiarato di esser stato informato, nel 2003, di piani di attacco/regime change per 5 paesi nei successivi 7 anni (Somalia, Libia, Siria, Libano, Iran) e di essersene sentito disgustato..lo smembramento dei servizi sociali, precarizzazione e pauperizzazione crescente (leggere l'ottimo Poveri, Noi, di Marco Revelli) sono consustanziali ad abortire qualsivoglia protesta verso queste guerre infami.
Grimaldi, grazie mille x "flauteggia"... e da quanto si evince, dunque Sofri e'responsabile dell'omicidio di Calabresi?
cari saluti
edoardo

emgiordana/blogspot ha detto...

Caro Mondo Cane, giornalista tra virgolette mi sta anche bene (diritto di critica) ma, primo non sono de Il manifesto, secondo islamofobo dillo a qualcun altro

Emanuele Amanullah Giordana