lunedì 12 dicembre 2011

Connessioni: una faccia, una razza.

Siria, Grecia, Libia, Italia - Chi colpisce, una faccia una razza; chi resiste: una faccia una razza
Bombe a Equitalia, bombe nei mercati pachistani, bombe su Yemen e Somalia: una faccia una razza


Che la borghesia vinca o soccomba nella lotta, essa è condannata a perire dalle contraddizioni interne, che diventano mortali nel corso dello sviluppo. Il problema è solo se perirà di mano propria o per mano del proletariato. La permanenza o la fine di un’evoluzione millenaria dipendono dalla risposta a questa domanda. La storia ignora la cattiva infinità dei gladiatori eternamente in lotta. Il vero politico ragiona a base di scadenze. Se la liquidazione della borghesia non si compie entro un termine quasi esattamente calcolabile dell’evoluzione economica e tecnica [..] tutto è perduto. Prima che la scintilla arrivi alla dinamite bisogna tagliare il filo che brucia [Walter Benjamin, Einbahnstrasse, 1928]

http://justiceinconflict.org/2011/04/28/no-joke-2010-un-review-praised-libyas-human-rights-record/ (sito dove si trova il riconoscimento ONU alla Libia come primo paese africano per Indice di Sviluppo Umano e difesa dei diritti umani)


Quella che una banda di licantropi geronto-sionista-massonico-mafioso-vatican-plutocratici, nelle spire della sua psicopatica frenesia, conduce contro il 99% dell’umanità, è una guerra totale. All’ultimo sangue. Guerra di classe, guerra generazionale, guerra contro le donne, i bambini, i vecchi, guerra di religione, guerra di razza, guerra contro popoli sovrani e fuori dal girone assassino della globalizzazione liberomercatista. Tutte guerre, ricordando l’immortale Nando, di altotti contro bassotti. Scemi, succubi o complici, coloro che non vedono le connessioni. Connessioni che l’insostituibile Maria Montessori ci aveva insegnato essere la chiave per capire i fatti, gli insiemi. Come li hanno capiti gli Occupy in Usa e in giro per un mondo ammanettato dalla globalizzazione e, soprattutto, nella Grecia, che pare quella di Leonida e Filippide e con i suoi ormai due anni di nobilissimi scontri e scioperi generali non cessa di azzannare il tentacolo locale della BCE. Ovunque, nelle piazze, nei cortei, nei cartelli, tra le mazzate e gli scoppi, si mira al bersaglio grosso, a quello giusto: la cupola dei bulimici necrofagi del finanzcapitalismo che spende per distruggere e ammazzare nelle guerre ad altri paesi quanto depreda nelle guerre al proprio. Hanno capito che il colonialismo al tempo di Obama, Merkel, Monti, si è fatto dittatura. Dopo la dittatura catto-soft della DC-Nato (con puntello PCI), quella mafiosa dei topi da formaggio-Nato, la dittatura dichiarata, netta e pura come il suo grembiulino, di Rigor Montis Di Pietà.

Da noi, per contro, si viaggia in spensierata schizofrenia. Ci si arrovella su come una personcina così ammodo come il nostro premier comandato, sobria, profumata e dall’argentina chioma, possa farsi boia e calare la mannaia sul collo di un 99% già rantolante sotto le scudisciate di trent’anni di predecessori, ma si aderisce con fanfare e vessilli al vento a ogni spedizione di “diritti umani” che la medesima cosca allestisce e conduce finanziandosi con la di noi salute, istruzione, pensione, paga, terra, metamorfizzate in 132 cacciabombardieri F35 da 15 miliardi e altre chincaglierie da genocidio. Se Al Qaida è il concreto e simbolico strumento che esegue sul campo le disposizioni della Cupola criminale mondializzata, è simil-Al Qaida lo squadrone della morte sociale nominato a Palazzo Chigi, quanto quello che, effettuata la mattanza della Libia, si è ora trasferito con 600 tagliagole per analogo mandato in Siria. Anche il meccanismo è lo stesso qua e là: ricatto e conseguente senso di colpa, alla cattolica. Hanno la protervia, quelli che ci colpiscono alla giugolare mentre esentano dai nuovi estimi catastali cravattari banche, assicurazioni e Chiesa, di farci piangere su nostre colpe che poi sono tutte i loro delitti: avremmo vissuto a lungo come cicale e quindi la nemesi del "rigore" la dobbiamo addebitare a noi. Lo dicono tagliaborse dall'alto dei loro depositi di Paperone a turbe che da trent'anni, sconfitta la loro rivoluzione, si arabbattono intorno a livelli minimi di decente vivere. Il ricatto è analogo per popoli come la Siria e la Libia, il cui senso di colpa deve essere coltivato sulla complicità con il "dittatore sanguinario", il chiamarsi fuori dalla "comunità internazionale" dei probi e della libertà (intesa come libero mercato dei pirati), per cui la dovuta nemesi sotto forma di liberatori e bombe, oceani di sangue, sui quali, però, poi veleggerà leggiadra la "democrazia".

Chiamare uno che viene da Trilateral, Bilderberg e Goldman Sachs a “salvare l’Italia” è come mettere il capo di Ku Klux Klan, Lega Padana e Bengasi a protezione dei neri. A quattro petali del trifoglio si chiede la fortuna, ai quattro cavalieri dell’apocalisse berlusconiana, Marchionne, Gelmini, Letta e Di Paola, Mario Monti ha sollecitato ispirazione per completare lo sterminio: il carnefice dei lavoratori, la carnefice della cultura, il carnefice dell’onestà, il carnefice di esseri umani. E se il terrorismo ricattatorio dell’estortore viene chiamato “baratro”, o “catastrofe”, i lemmi che da Bersani ad Alfano a Caasini sono utilizzati per tenerci accucciati nel panico, e se l’altro mantra da ipnosi, quello della “responsabilità”, sta per “lasciateci tirar sù ‘sto patibolo”, per Libia e Siria il rovesciamento di senso si chiama, appunto, “democrazia”. Già, proprio quella impersonata da uno tutto liscio, stirato e chic, cui solo mancano sul bavero nero le chiavi del portiere d’albergo tailandese da turismo di stupro. Era volgare, osceno, grottesco, ottuso, protervo, l’inetto predecessore, ma questo, col suo bip-bip al rallentatore, tipo Al di Odissea nello spazio (e, vedrete, si spegnerà come quello, basta copiare i greci), trasuda oscenità, volgarità, protervia e ottusità da Centro Benessere peggio di quello. Passa un simile pacchetto solo perché infiocchettato di nastri rossi e neri. Da Mussolini a Monti non c’è mai fine al peggio, siamo scivolati in discesa.

In Siria le cose sono analoghe, ma ancora più chiare. La vostra intelligenza antidirittoumanista aveva già percepito che, per la Siria, c’era qualcosa di nuovo nell’aria, anzi d’antico, di libico, iracheno, afghano, serbo. Le procedure si assomigliavano come gocce d’acqua di solfatara. Ma ora è arrivata anche la prova Dash: Il CNT di Tripoli, quei valletti che spompinano il principe mentre si fanno le pippe (scusate la nostalgia berlusconiana), fattogli assolvere il compito Nato della pulizia etnica di neri e libici perbene, reso omaggio agli equipollenti del CNS (Consiglio Nazionale Siriano, Londra, M16, Cia e Mossad), ha spedito nel carnaio siriano il comandante militare della capitale. Si chiama Abdelhakim Belhadj, ha fondato il Gruppo Libico Islamico di Combattimento, filiale terroristica Cia, forza d’elite al servizio degli Usa dall’Afghanistan all’Iraq, dalla Bosnia alla Libia, dalla Cecenia al Kosovo. Con se ha portato un primo contingente di 600 tagliagole di Allah, scelti con cura tra chi aveva bruciato e sezionato neri, chi aveva stuprato ed affettato donne, chi aveva linciato il comandante partigiano Gheddafi. Si aggregano agli squadroni della morte, istruiti da specialisti Nato, spediti da Qatar, Arabia Saudita, Giordania, per riprodurre in Siria il proprio modello di democrazia e rispetto dei diritti umani, dalle masse in disarmata protesta massacrate, alla tirannia assoluta del sovrano, dove l’unico privato, la famiglia reale, è anche l’unico pubblico e voi nun siete ‘n cazzo!

Qualcuno tra noi ha arricciato il naso e sollevato le sopracciglia, magari tastandosi qua e là, alla constatazione che le orrende cose raccontateci su Gheddafi avevano trovato la loro nemesi nell’uccisione di un paese, in atrocità agghiaccianti compiuti da cavernicoli già chiamati “giovani rivoluzionari”, nell’annichilimento di una nazione prospera, giusta e coraggiosa più di ognuno di noi, il tutto epitomizzato dal sacrificio di Muammar Gheddafi e dei suoi figli. Ebbene, se ancora una volta si mantiene in bilico sul ponte tibetano degli ondeggiamenti, tra “brutte bombe Nato” e “bruttissimo Assad”, quando arriverà dall’altra parte avrà dato una mano a scagliare nella forra, non solo Bashar Al Assad, ma di nuovo tutto un popolo. Quel popolo che, con più impegno e assiduità di un figlio che sostiene il padre aggredito da teppisti, a milionate in tutto il paese da mesi si riunisce, invisibile alle tv occidentali, per condividere il destino di resistenza e libertà del presidente. Già, e le oceaniche manifestazioni di protesta relazionate puntigliosamente dai nostri osservatori sotto dittatura di Al Jazira e del suo emiro? Le decine di “martiri” della rivoluzione ogni giorno e per ogni dove? Le torture degli sgherri di Assad? I bambini trucidati? In attesa degli stupri di massa, solitamente cari a Amnesty e HRW, tocca a dirittoumanisti, pacifisti e guerrafondai accontentarsi di queste perle di verità. Di cui non viene fornito uno straccio di prova, o firma, per quanti satelliti spiino dall’alto. “Parlano testimoni”. Proprio come quella psichiatra di Bengasi che, inviati 40mila formulari ad altrettante donne per registrarne la violenza subita dai gheddafiani, poi, chissà com’è, nel trambusto della guerra, li ha tutti smarriti. O quel notabile dei diritti umani a Ginevra che la notizia del bombardamento di Gheddafi su civili – pistola fumante per l’ONU - l’aveva avuta per telefono e, di fronte alla smentita del satellite russo, ha riconosciuto: “non ci sono prove”.

Hanno lo stesso tasso di realtà le panzane del pitbull in smoking di Goldman Sachs sul “baratro” e sulla “catastrofe”, sull’Italia da salvare attraverso il “sacrificio di tutti”, di quelle con cui ci tempesta il fantoccio Al Qaida-Nato, Burhan Ghalioun, capo designato di quel Consiglio Nazionale Siriano, partorito a Parigi sotto l’egida dei colonialisti francesi e installato a Istanbul sotto l’arnese Nato, Erdogan, in rappresentanza di non più di 100mila su 24 milioni di cittadini (se si sommano le manifestazioni di tutte le città). Nessuno dei 4000 mila civili “uccisi dalla repressione” è mai stato verificato. Le fonti, perlopiù anonime, sono i fantasmatici “attivisti”, dirittoumanisti, Coordinamento dei Comitati Locali, meticolosi copioni di quanto sulle “stragi di Gheddafi” ci somministravano i “giovani rivoluzionari” di Bengasi, mentre scuoiavano gheddafiani e neri. Quanto a morti ammazzati veri siamo, a 8 mesi dall’inizio della libizzazione della Siria, a quasi 1.500, tutti poliziotti e soldati impegnati contro cecchini mercenari, poi nobilitati in “Esercito Libero Siriano”all’assalto della sovranità e indipendenza del paese. Ragazzi che, rifiutata la fuga, hanno pagato lo scotto dell’ordine di Assad di non sparare sui civili. Stesso prezzo pagato dai soldati di Gheddafi quando, nell’assalto degli islamisti a caserme e stazioni di polizia di Bengasi, gli era stato comandato di non reagire con armi da fuoco.

In Siria i manifestanti, sistematicamente centuplicati da queste autorevoli fonti, chiedevano la libertà? Macchè, istigati dai predicatori sauditi ed egiziani (quelli che schiavizzano l’Arabia Saudita e si sono mangiati le rivoluzioni di Egitto, Tunisia, Marocco) ospitati da Al Jazira, voce del padrone assoluto e vassallo USA-UK Al Khalifa al Thani, ciò che invocano è l’instaurazione di un regime islamista a disposizione del padrone coloniale. Ne sono capifila esponenti del takfirismo, setta sunnita che accusa Assad, leader di un popolo laico dall’VIII secolo, di eresia e apostasia. Come in Libia, in Iraq, in Jugoslavia, sono le armate fondamentaliste e terroriste di un Occidente che percuote il mondo con il paradosso della “guerra al terrorismo islamico”. Fanno il paio con i barbuti che ovunque abbiano infilato le proprie zanne sulle ossa della Libia hanno proclamato Sharia ed emirato islamico. E non sono neanche tanto lontani da quei nostri crociati interni che, ripetendo un modulo millenario, intessono l’integralismo cattolico con le potenze del dominio, dello sfruttamento e delle guerre Gott mit uns. E’ quando in Occidente hanno iniziato a imporsi, lacerando il complice occultamento delle Ong umanitariste, le rivelazioni sugli squadroni della morte venuti da fuori, sulle imboscate ai militari e l’uccisione di civili, che la Nato e i suoi vassalli del Golfo hanno iniziato a inventarsi un esercito di “disertori che non hanno voluto sparare sui manifestanti”. E’ bastato che qualcuno, non certo una missione ONU o di Stati neutrali, non certo Amnesty o HRW, latitanti come durante il mattatoio Nato-islamista in Libia, visitasse ospedali e obitori per vedere il rapporto tra morti delle forze dell’ordine e civili. I disertori conclamati non sono che poche decine, fuggiti in Turchia e inquadrati da esponenti del clan di Rifaat El Assad, zio del vecchio presidente e noto narcotrafficante inseguito dall’ Interpol, e di Abdelhakim Khaddam, già vicepresidente, fuoruscito coccolato da Sarkozy e formalmente legato alla Cia. La notizia buona, qui, è che tra il fasullone Consiglio Nazionale Siriano e il fasullissimo Esercito della Libera Siria, già sono scoppiati i fisiologici conflitti tra sciacalli attorno alla carcassa. Si danno sulla voce, sparare tanto, sparare poco per non insospettire i pacifinti, questo sarà mio, non tuo, comando io, non tu, la Clinton non ama te, ma me... Finiranno con l'avventarsi gli uni sugli altri, come in Libia.

Il menzognificio colonial-mediatico non poteva esimersi da quel travestimento umanitario che gli ha assicurato la frantumazione di Jugoslavia, Iraq, Somalia. Si sono mimetizzati con la vecchia legittimazione umanitarista dei manutengoli delle guerre giuste, come la carovana dei flagellanti di Sarajevo, i Sofri, i Langer, i Saviano, i Lotti e, oggi, ministri baciapile, integralisti della moneta e della superstizione, infiltrati dal Vaticano, come il criptochierico Riccardi del S. Egidio che, ministro della greppia Cooperazione, fa da sponda umanitaria al “tecnico” Di Paola, ammiraglio, caporione Nato e ministro della Difesa per meriti genocidi in Libia. Si invocano per la Siria urgenti “corridoi umanitari” (tipo quello di Misurata, per teste di cuoio occidentali e armamenti pesanti in soccorso ai lanzichenecchi) e, dunque, l’irrinunciabile No Fly Zone. Ci sarebbero 1,5 milioni di siriani da salvare dalla morte per fame. Particolare trascurato: la Siria è da decenni autosufficiente sul piano alimentare e la produzione agricola non ha subito riduzioni significative. Negli ultimi anni ha registrato una crescita media del 5%. Nonostante le scarse risorse minerarie ha assicurato giustizia sociale, mano pubblica egemone, sanità e istruzione. La sua popolazione sta meglio di quella di tutti i paesi della coalizione petro-capitalista che la vogliono morta, lo stesso valeva per Serbia, Afghanistan, Somalia, Iraq e Libia. Pensate che quadriglia assolutamente sincronizzata: Usraele, UE, Turchia e califfi con gli anfibi che da tempo puntavano su Iraq, Siria, Libano, Algeria, per installarvi una delle loro democratiche monarchie assolute!
Lega Araba in salsa Calzedonia

Ignorando misure alla Turco-Napolitano, alla Caldaroli, o all’Obama della cacciata dagli Usa di un milione e mezzo di immigrati latinos, ha accolto centinaia di migliaia di palestinesi e oltre un milioni di disperati fuggiti alla mattanza Nato-islamista in Iraq. Ebbene, se oggi in Siria c’è chi si dibatte tra difficoltà economiche lo deve al caos provocato dal mercenariato Nato, alle sanzioni inflitte dalla coalizione petrosatrapi-comunità internazionale, all’impossibilità di vendere il proprio petrolio in Europa, al crollo del turismo in uno dei paesi più ricchi di patrimoni culturali e storici, alla disoccupazione indotta dalla chiusura di imprese esportatrici, al blocco delle transazioni e al congelamento dei fondi sovrani. Se in Siria ci fosse davvero un milione e mezzo di malnutriti, potrebbe ringraziare coloro che ora propongono “corridoi umanitari”. Misurata, appunto, e Bengasi, ma prima ancora il Kosovo, ci hanno insegnato a cosa servano i “corridoi umanitari”. Ong che, senza guerre, andrebbero per grilli, riescono ad andare per tordi quando cospargono dello zucchero vanigliato dei diritti umani le manovre di regime change delle jene colonialiste. Foderano di qualche sacchetto di farina e qualche barattolo di latte in polvere i canali attraverso i quali viaggiano armi, mercenari, provocatori, spie. Collateralmente si fanno tramite verso gli utili idioti e gli amici del giaguaro delle fandonie raccattate tra “attivisti” e “comitati dei diritti umani” locali. Ricordate quei farabutti di “Save the Children” che da Misurata raccontavano del viagra fornito da Gheddafi alle sue truppe perché stuprassero bimbetti di 8 anni?
Mercenari Nato dalla Libia alla Siria

L’International Institute for Strategic Studies, autorità mondiale su modi e meccanismi di guerra, riferisce che la cosiddetta “Free Syria Army” non è per niente composta da “disertori”, ma da miliziani reclutati, pagati e armati da Stati Uniti, Israele, Turchia e petromonarchie del Golfo. Armi israeliane sono state ripetutamente sequestrate in Siria, a dispetto di quel fessacchiotto di diplomatico italiano, già ambasciatore in Libano, che l’altra sera, a una presentazione del mio docufilm “Maledetta Primavera”, farneticava di un “Netaniahu che non sogna altro che la permanenza al potere di Assad” e plaudiva alla democrazia portata in Egitto e Tunisia dai “moderati” Fratelli Musulmani”. Tale è la nostra diplomazia. Stupida e proterva quanto le ordalie dei nostri governanti quando ci raffigurano lo sterminio sociale come la via, l’unica possibile e concepibile, per uscire dal gorgo (il famoso “gorgo” nel quale ci collocava quell’altro depistatore di professione, Ingrao; non si sa chi abbia fatto più danno a paese, popolo, lavoratori, intelligenza, tra i due capobastone “opposti” del PCI, Ingrao o Napolitano). Del resto, ben sapendo che ha la facoltà di tirarsi dietro, a forza di ricatti finanziari e “morali”, la macchina da guerra Usa e UE, Israele neanche si preoccupa di smentire e, insieme agli altri armieri e addestratori francesi e britannici, accorsi in Turchia a mettere in piedi questo “Esercito della Libera Siria”, tace e ammicca, puntando sull’effetto intimidazione nei confronti della Siria e sull’impunità totale che, dopo il lontano exploit contro la guerra all’Iraq, gli assicurano pacifinti e democretini.

Del resto, non ci sono tutti i media, in rasserenante unanimità, a spianare eventuali increspature di coscienza? Fate un po’ il confronto tra lo sdegnato clamore riservato alla sacrosanta collera degli indignati di Damasco e Tehran contro le ambasciate di chi non si perita di allestire “rivoluzioni colorate”, magari di sangue, per annichilire popoli, benessere e sovranità (ricordate gli ambasciatori di Francia e Usa che vanno a Hama per istruire la teppaglia eversiva?) e, dall’altro lato, mettiamo, le bastonate date all’ambasciatore russo e ad altri due diplomatici dai doganieri del satrapo del Qatar, Al Thani. Di queste vi hanno riferito? Avete confrontato le cronache e i puntuti argomenti, a destra e sinistra, su quei violenti di Black Block, dalla Val di Susa ad Atene,  da Londra a Lisbona, “a stento contenuti dalle forze dell’ordine”, con lo sdegno, ripetuto a rullo, sulla “brutale repressione” dello “Zar” Putin di chi, fiancheggiato dal pizzaiolo Gorbaciov, denunciava brogli e chiedeva democrazia in Russia? Nelle cui immagini si continuano a vedere poliziotti che, facendo sghignazzare i nostri robocop, si limitano ad allontanare i manifestanti a braccia. Come sempre, quando in un paese non sottomesso si vota, esplode la storia dei brogli. Li conferma quell’organismo sopra le parti che è l’OSCE, nido di spie ed embedded, ben collaudato in Kosovo. E, naturalmente, alle ben istruite e orchestrate fanfare sulle “tante irregolarità” sul “voto rubato”, comprensibilmente corrono appresso i delusi e incazzati che hanno perso: hai visto mai che, con un aiutino occidentale, non possano tornare i bei tempi alla vodka di Eltsin. Ridere o piangere al pensiero che chi allestisce queste caciare (la confessa NED statunitense sempre in prima linea) ha presidenti eletti due volte con brogli eclatanti e colloca, ovunque abbia spianato paesi con le bombe, i golpe e i narcos, fantocci eletti con sistemi da “La stangata”? Honduras, Iraq, Afghanistan, Somalia, Messico, Costa d’Avorio… E aspettate a vedere il can can colorato che nel, 2013, quando Putin stravincerà le presidenziali, schiamazzerà sotto il Cremlino, armato di satellitari Motorola, dollari, sms della NED, e magari qualche “vittima” ammazzata dagli sgherri dello zar” (vedi i “falsi positivi” in Iran o America Latina).
Comunisti, monarchici, zaristi romanoviani, neonazisti, neoliberisti, uniti nella lotta


E’ che la Russia dà molta noia. E ne darà di più quando qualcuno con spina dorsale, magari quello che, alla faccia dell’Occidente e della eltsiniana banda di oligarchi ladroni e assassini alla Kodorkovsky,”martire” in Siberia delle prefiche occidentali, ha miracolosamente resuscitato una Russia a brandelli, sostituirà Medvedev e i suoi giri di valzer. All’orizzonte si profila Putin e già parte la flotta russa per il Mediterraneo e la Siria, violando il feudo Nato-islamista del Mediterraneo. L’Iran si schiera a difesa della Siria azzannata dai brontosauri Usa-UE-tappetari del Golfo. Il governo dell’Iraq, incamerato dall’Iran, ondeggia verso il sostegno a Damasco, mettendo in difficoltà le teste di cuoio angloamericane che, da lì, si infiltrano in Siria. Ce n’è per bastonare l’ambasciatore russo, scatenare le cellule dormienti colorate a Mosca, satanizzare Putin, far saltare per aria impianti industriali e ammazzare scienziati in Iran (avete visto come il Mossad ammiccava e si lisciava i baffi con ancora grumi di sangue iraniano?). Non c’era da perdere tempo per riattivare gli ascari colorati, spedire droni-spia (uno felicemente abbattuto) nei cieli sovrani iraniani, preavviso di droni-missili che sparano distruzione e morte un po’ ovunque si possa far finta che rivolte di popolo siano sconquassi Al Qaida. Israele è coprotagonista lì e anche in Palestina, dove, tra un’apocalisse minacciata all’Iran un giorno sì e l’altro pure, il regime nazisionista trova il tempo per seppellire sotto una cementata di colonie quanto resta della Palestina e per massacrare un po’ di ragazzetti nell’Auschwitz di Gaza. Fosse mai che ai palestinesi ancora in piedi, sapendo anche che centinaia di migliaia di loro fratelli sono da sessant’anni rifugiati in Siria, venisse l’uzzolo di parteggiare per l’unico appoggio e santuario che gli rimane nel mondo!

E qui rammento con pena quel compagno, rappresentante del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), che l’altra sera a Genova, durante la presentazione del mio film sulle primavere arabe e sulle aggressioni a Libia e Siria, riecheggiando il coro davvero vile e turpe contro Gheddafi di tutte le organizzazioni palestinesi, borbottò, storcendo la bocca: “Dopotutto, la Siria è uno Stato di polizia…” Ma chi te lo ha fatto dire? Cosa fai, dai lo zuccherino al drago? Ma anche lo fosse, Stato di polizia (comunque sempre meno di quelli Usa e UE), ti sembra il momento di sfrucugliare un paese che ospita da decenni i tuoi fratelli e che da sempre, ormai unico, sostiene la tua lotta e le tue aspirazioni per la libertà e l’indipendenza? La speranza e lotta per un mondo arabo riunito, laico, antimperialista, socialista? Ti sembra la cosa principale e unica da dire dopo aver visto e sentito dell’uccisione della Libia, vostra amica, da parte degli assassini del tuo popolo e dell’identica operazione in atto in Siria? Ma chi è il tuo nemico principale? Uno Stato assediato da ogni lato, da quando ha intrapreso il cammino dell’indipendenza e la costruzione di uno Stato sociale: guerre, squadroni della morte, persecuzioni giudiziarie ONU (con l’accusa alla Siria dell’uccisione del tycoon libanese Rafiq Hariri, attentato classico del Mossad), bombardamenti, provocazioni, assassinii mirati, con uno strangolamento economico decretato dalle sanzioni di chi, insieme al midollo della propria società, vuole succhiare anche la polpa delle altre? A parte che vedo più poliziotti e, ora, militari armati per picchiare e sparare, in una cittadina come Pistoia che agenti in tutta la Siria, come fa un paese in quelle condizioni ad aprire porte e finestre, a presentare partiti e media ai forzieri dell’imperialismo? Cosa gli offri, una democrazia che sembra un tappeto divorato dalle tarme e che ora fa da scendiletto a despoti inguainati Armani che, ottuse e tracotanti marionette attaccate ai fili dei Pantagrueli finanziari, hanno fatto tracimare la Prima della Scala di più impudica volgarità di quanto non abbiano mai potuto rigurgitare l’inadeguato ciarlatano burino e la sua compagnia di giro.

Terroristi, una faccia, una razza. Mentre in Siria squadracce di ossessi religiosi, bulimici di libero mercato alla Monti, e miliziani rastrellati dai vari scenari della destabilizzazione, sparano su folle e custodi della sovranità della Nazione, con perfetta specularità riparte in Italia la logora tiritera del terrorismo ante portas. Un terrorismo che, dalla sua prima apparizione, è USraeliano e serve a giustificare guerre di conquista, come pure quella al proprio popolo. Non vi ricordano, le buste esplosive "anarcoinsurrezionaliste" all’usuraio-capo di Equitalia, come a suoi compari in altri posti, le bombe “anarchiche” del ’69 e seguenti e quelle del ’92-’93? Finalizzate, le prime, a contenere una messa in crisi rivoluzionaria del sistema, le seconde ad avviare, dopo la bonifica di Mani Pulite, l’avvento diretto della criminalità organizzata al potere e, queste ultime, a intimidire e reprimere ogni sussulto di vita nella camera della morte in cui questi tonnaroli Bilderberg stanno cacciando il 99% del paese. Siccome, ottusi e rapaci, ci trombano con la minchiata che “non c’è alternativa”, ottusi e monotoni cercano di trombarci anche con l’ennesima riproposizione del terrorismo. E se non spunta qualche cazzone a piazzare ordigni, i provocatori pronti all’uso in questo paese e nei suoi servizi non sono mai mancati. Il parallelo è costante: da noi qualche finto brigatista, o qualche infiltrato nero (“opposti estremismi”), in Siria il detrito Al Qaida che ha finito il soldo per i lavoretti in Libia o Cecenia. O in Pakistan. Già, lì droni Cia ne violano ogni giorno la sovranità e spazzano via villaggi e villici del Waziristan e, ultimamente, ben 24 soldati “alleati”. E se i militari, dove alligna un residuo di dignità nazionale, finiscono con lo scocciarsi e cacciano gli Usa dalla loro base aera di Shamsi in Beluchistan, ecco che, botta e risposta, saltano per aria mercati e moschee affollate nella principali città. Terroristi pachistani? Forse. Ma scudiscio manovrato, come da noi e in Siria, dagli stessi mandanti di Monti. La barca è sempre quella. Ci siamo dentro tutti. Una faccia una razza, dall’una e dall’altra parte della barricata. A saperlo si diventa più forti.

Da noi c’è, accanto al presidente che ha firmato tutte le porcate del guitto mannaro e padrineggiato il golpe Monti, il “con-viva-e-vibrante-commozione” rifilatoci dagli Usa mezzo secolo fa, sempre a disposizione di chi ci vuole male, santo-subito per gli auspici di alcuni milioni di decerebrati, l’altro capo di Stato. Quello incistato da millenni nel cuore del nostro paese, che, esentato dall’ICI, munito di greppie scolastiche e imprenditoriali, conferma la sua vocazione a benedire chiunque faccia transitare armate di cammelli per la cuna dell’ago, bambinelli per la psicoterapia alla “Chi volò sul nido del cuculo”, morituri per i trattamenti della strega cattiva di Calcutta. Paradossale, ma neanche tanto, che, mentre le chiese cristiane, liberamente e rigogliosamente presenti in Siria (come lo erano in Libia), si svociano a denunciare la nemesi Nato-islamista programmata per uno Stato laico, tollerante e progressista, il Papa si limiti a deplorare le “violenze” (e intende quelle che gli racconta Hillary Clinton) e unge di olio sacro il terminale domestico della cosca colonialista che di tutte le violenze, di ogni terrorismo, è prima ed esclusiva fucina.
Esportare primavere. O comprarle.


Tout se tien, tra Libia, Siria, Iran, Russia e le nostre faccenduole nazionali. E’ in atto, come dice James Petras, il più grande roll-back (riavvolgimento del tappeto) delle conquiste di popoli, nazioni, lavoratori, donne, dai tempi della Compagnia delle Indie, o del macellaio santo del Sacro Romano Impero. Mai ci vorrebbe come oggi un Marx che tornasse a spiegarci cos’è e come opera e cospira il Capitale e come si dovrebbe fare per riprendersi libertà e plusvalore. Ma mai, come nell’attuale proliferare di gruppi, sottogruppi, conventicole e torri d’avorio dalla falce e martello, c’è stata mancanza di comunismo. Visto che senza internazionalismo e senza antimperialismo, checché ne dicesse quell’altro fiore del revisionismo, Bertinotti, comunisti non si è. Come non lo si è quando, da “marxisti-leninisti” palestinesi, ci si taglia le palle sbertucciando Gheddafi o Assad. A questo punto meglio il Baath, la Jamahirija, il Myanmar (non dell’amerikana San Suu Kyi!), Cristina Kirchner... Di fronte a una Jamahirija, a una Siria baathista, a un Iran da sessant’anni sotto schiaffo dell’Occidente, a un qualsiasi paese che non si metta carponi davanti ai belluini appetiti di mercanti di cannoni e trafficanti di narcotici chimici e psicologici, visto che, autosterilizzata, non ce la sa fare a schierarsi dalla parte giusta, questa “sinistra” almeno si batta il petto. Fino a sfondarlo e farne uscire tutto il suo pus cerchiobottista. La discriminante oggi è diventata la dignità. Di operai e popoli.
Myanmar. L’Idra e un’altra delle sue teste


Per l’oftalmologo divenuto, per fortuna dei Siriani, presidente al posto dello zio Rifaat, amerikano e narcotrafficante, massacratore dei rivoltosi di Hama nel 1982, c’è un Barbablù, Premio Nobel della pace, nero, conclamato mandante di killer, che gli augura “la stessa fine di Gheddafi”. E, presto, si attiverà anche il Tribunale Penale Internazionale con la ferula dei “crimini contro l’umanità”. E’ selettivo, questo super partes giudiziario: mentre gironzolavano con la mannaia tra milioni di cadaveri tipi come Blair, D’Alema, Napolitano, Bush, Obama, Sarkozy, Cameron, i reggitori di Abu Ghraib, Guantanamo e di mille carceri segrete della tortura, ha incriminato esclusivamente “delinquenti” del Sud, prima di Gheddafi tutti neri. Ultimo, quel Laurent Gbagbo che, per il Comitato Nazionale Elettorale e la Corte Costituzionale aveva vinto le elezioni in Costa d’Avorio, ma per la Francia che, sterminando un po’ di renitenti, gli ha preferito l’ennesimo virgulto del FMI, per l’ONU e per il TPI, no. Ricordate che il TPI aveva anche ordinato l’arresto di Gheddafi, proprio mentre i crimini contro l’umanità e di guerra li perpetravano alla grande i bombardieri Nato e il loro mercenariato di terra? E’ di ieri la notizia che “il caso è stato archiviato”. Operazione riuscita, paziente morto. Di coloro che hanno ordinato e di quelli che hanno eseguito lo squartamento del combattente patriota Gheddafi, il procuratore Moreno Ocampo non ha neanche sentito parlare. La sua polizia giudiziaria a stelle e strisce nulla gli ha riferito. Il pigolìo di Amnesty e HRW era troppo basso. E così, sulle orme del predecessore manichino di Upim, il montiano neo-ministro degli esteri, un carneade di nome Giulio Terzi di Sant’Agata (ex-rappresentante italiano a Nato, Onu e Israele: qualifiche perfette), ha potuto, con pieno plauso UE-USA, farsi bello inchinandosi  al compare del Consiglio Nazionale Siriano, omologo del comparuzzo del Consiglio Nazionale di Transizione libico, ai cui piedi si era gettato di corsa Frattini. Siamo grandi trasvolatori bombaroli, ha promesso al farabutto dal ginocchiatoio della Farnesina, e grandi elemosinanti di briciole.

Mamma, li turchi! Chiudo con una notizia che nessuno ha smentito. Nella base navale turca di Iskanderun i servizi segreti britannici e francesi hanno stabilito un centro terrorista di addestramento per mercenari arabi da lanciare contro la Repubblica Araba di Siria. Sarkozy e Erdogan hanno stretto un patto: in cambio del pieno appoggio logistico e operativo alla campagna terroristica dei servizi anglofrancesi e della Nato contro la Siria, Parigi faciliterà l’ingresso sollecito della Turchia nell’agognata Europa di Draghi e della Lagarde (FMI), Oli Rehn e Barroso, di Marchionne e campi rom bruciati. La UE non sarà da meno. Come non lo è stata l’altro giorno con la Croazia, nata dalla distruzione della Jugoslavia sovrana, dalla secessione del post-ustascià,Tudjman, e dalla benedizione di Karol e Marco Pannella in mimetica, è accolta a braccia aperte nell’Unione degli Zombie. Non così, buon pro le faccia, la Serbia che, a dispetto della svendita di Karadzic, Mladic, patrioti vari e di tutta l’industria serba da marchionnizzare, con qualcosa anche per la ‘ndrangheta, a dispetto del disponibile valvassore Boris Tadic, presidente, si è vista richiedere “altri passi”. Magari ora quello della soppressione violenta, in sinergia con la KFOR e con il brigantaggio di Stato di Pristina, degli ultimi dei serbi che resistono al genocidio. Quelli dei centomila sopravvissuti alla pulizia etnica vera in Kosovo che, in questi mesi, agli sgherri Nato hanno impedito con barricate, pietre e fucili da caccia, di creare un artificiale confine tra la Serbia di Belgrado e la Serbia del Kosovo Metohjia. Chi comandava gli sgherri Kfor che sparacchiavano, intossicavano e menavano? Herr Majorgeneral Erhard Buehler, il successore in Serbia di coloro che, per la Germania nazista, avevano massacrato la Serbia. I serbi sono stati gli unici che, da soli, li cacciarono. La vendetta si serve fredda.

A volte c’è chi mi rimprovera che, in questi pezzi, faccio digressioni che allontanano dal tema, che salto di palo in frasca, che faccio perdere il filo. E’ così? Gli è che il filo è quello di Arianna e che l’altro capo lo tiene nella zampa il Minotauro divoratore di vergini. Questo filo si arrovella attorno a mille siepi, il che rende difficile a Teseo la scoperta e l’eliminazione del mostro. Pensi di aver imbroccato nel labirinto il sentiero giusto, ma sbatti contro una siepe, viri a destra e, se non deviava a sinistra, finivi in un cul de sac. Invece sbatti il grugno contro una statua di Monti. A volte ti tocca addirittura districarti tra fitti cespugli per evitare l’ennesimo fine corsa. Io lascerei a cronisti di nera e bianca, agli storici di guerra, ai criminologi il racconto del sacro “tema”, dall’a alla z. “Contano le connessioni”, insisteva la maestra di tutte le nostre maestre, e avevano anticipato Marx e Lenin. Lavoratori di tutti i popoli unitevi! Oggi siamo al “99% dell’umanità uniamoci!” E non vogliamo sapere cosa succede di qua e di là e scoprire le connessioni e anche i giri per arrivare a incontrarci? Dite voi.
Anche chi sta visionando il mio libro su Primavere arabe e guerre Nato - penso di titolarlo "Chi ha ucciso la primavera?" (che dite?) - suggerisce di “stare al tema”, di non divagare, o Libia, o Pakistan, o Italia, o Siria, o Monti o Gheddafi, o bombe o manovre finanziarie… Ma, dico, le connessioni? Tra quelli e noi, tra quelli e quelli, tra noi e noi?
Modello Wall Mart-Wall Street

****************************************************************************************************


Campagna: Syria no war. Siria: no alla guerra, sì ai diritti umani
Promossa da: PeaceLink
ENDORSED BY: Albassociazione;U.S. Citizens for Peace & Justice–Rome;Associazione nazionale di amicizia Italia Cuba - Circolo di Roma;Rete No War Roma; Contropiano;Associazione U.V.A;associazione Liberigoj;associazione Un Ponte per;Associazione Yakaar;Italia Senegal; Rete romana di solidarietà con la Palestina; Ecoistituto del Veneto Alex Langer; Rete Disarmiamoli; Comitato con la Palestina nel cuore;Associazione Culturale Chico Mendes;Associazione per la Pace.



PROMOTED BY
Peacelink Association, Italy
volontari@peacelink.it
NO ALLA GUERRA IN SIRIA
SI' AI DIRITTI UMANI E ALLA LEGALITA’

Le sottoscritte organizzazioni non governative umanitarie e a difesa dei diritti umani chiedono con forza alle Nazioni Unite e alla comunità internazionale di agire immediatamente per fermare ogni tentativo di intervento militare straniero contro la Siria e di favorire una vera mediazione svolta in buona fede. Questa imperdonabile negligenza non può continuare.
Com’è noto, nei mesi scorsi c’è stata una crescente campagna mediatica internazionale sugli eventi in Siria, spesso basata su resoconti parziali e non verificabili, com’è già successo nel caso della Libia.
Quello che si sa è che sono in corso violenti scontri fra truppe governative e le truppe di insorti dell'autoproclamato Esercito di Liberazione della Siria, con basi in Turchia al confine con la Siria, e che questo crescendo di violenze ha già provocato enormi perdite anche di civili. I civili innocenti sono le prime vittime di ogni guerra. Entrambe le parti armate hanno dunque responsabilità.
Ma l'intervento militare esterna non è assolutamente il modo per proteggere i civili e i diritti umani.
AFFERMIAMO CON FORZA CHE:
1) Il cosiddetto “intervento militare umanitario” è la soluzione peggiore possibile e non può ritenersi legittimo in nessun modo; la protezione dei diritti umani non viene raggiunta dagli interventi armati;
2) al contrario le guerre portano, come inevitabili conseguenze, ad imponenti violazioni dei diritti umani (come si è visto nel caso della “guerra umanitaria” in Libia);
3) l'introduzione di armi dall’estero non fa che alimentare la “guerra civile” e pertanto dev'essere fermato;
4) non è tollerabile che si ripeta in Siria lo scenario libico, dove una “no-fly zone” si è trasformata in intervento militare diretto, con massacri di civili e violazioni dei diritti umani.
VI CHIEDIAMO CON FORZA DI FAVORIRE:
1) una mediazione neutrale tra le parti e un cessate il fuoco: ricordiamo che la proposta avanzata da alcuni paesi latinoamericani del gruppo Alba è gradita anche all’opposizione non armata;
2) un’azione per fermare l’interferenza militare e politica straniera, volta a destabilizzare il paese;
3) il reintegro della Siria nel Blocco Regionale;
4) lo stop a tutte le sanzioni che attualmente minacciano il benessere dei civili;
5) una missione d’indagine internazionale parallela da parte di paesi neutrali per accertare la verità;
6) l'invio di osservatori internazionali che verifichino fatti e notizie che circolano attualmente privi di verifiche e di verificabilità.
PROMOSSO DA
Peacelink, Italy
volontari@peacelink.it
Aderisci:
o Come persona
o Come associazione
Adesioni dal 26 novembre 2011: 138 persone , 17 associazioni
Stati Uniti - Il più grande inquinatore del mondo è l’esercito degli Stati Uniti d’America che produce ogni anno almeno 750.000 tonnellate di residui tossici. È un inquinamento a livello globale dal momento che gli USA possiedono basi in decine di Paesi. Solo in Italia sono installate 113 basi americane e NATO.

Stati Uniti - L’esercito americano e la NATO non solo rilasciano materiale tossico nell’aria e nell’acqua, ma avvelenano la terra e il mare: anche delle comunità confinanti, provocando un aumento dell’incidenza di tumori, patologie renali, malformazioni congenite, neonati sotto peso e aborti spontanei.

Stati Uniti - Il Pentagono gestisce basi militari anche fuori degli Stati Uniti come “riserve federali” non sottoposte alla sovranità degli Stati ospitanti, tale situazione è stata denunziata con una petizione presentata a Camera e Senato ai sensi dell’art 50 della Costituzione e rubricata presso le rispettive commissioni parlamentari competenti.

Stati Uniti - Il Pentagono ha ottenuto anche, dagli Stati servili come l’Italia, deroghe alle leggi che tutelano chi denuncia reati, laddove siano coinvolti militari statunitensi. Vedi il clamoroso caso del Cermis. Molti sono stati i tentativi nei vari Paesi per tentare di obbligare le forze armate americane e NATO al rispetto delle leggi nazionali per la tutela ambientale, ma senza esito.

Stati Uniti - Nonostante le proteste contro la guerra stiano crescendo in tutto il mondo, la “guerra alla Terra” da parte del Pentagono continua. Gli Stati Uniti sono guidati da una oligarchia criminale che non porta rispetto allo stesso territorio americano come pure non tiene conto della salute dei propri militari che, al ritorno dalle varie “guerre umanitarie”, spesso finiscono in centri di igiene mentale o ospedali per malattie tumorali.

Stati Uniti - Un rapporto dedicato all’Iraq, dell ’Unità di Valutazione Postbellica del Programma Ambientale
delle Nazioni Unite, ha rivelato che i pesanti bombardamenti USA e i movimenti di un gran numero di veicoli militari, hanno fortemente degradato l’ecosistema naturale e agricolo. L’intenso uso di proiettili all’uranio impoverito ha fatto rilevare livelli di contaminazione radioattiva pericolosi per la salute, per l’acqua e per l’ambiente.

Stati Uniti -Le centinaia di migliaia di proiettili all’uranio impoverito utilizzati nella guerra di aggressione
all’Iraq, hanno lasciato sul terreno ben 75 tonnellate di materiale tossico. Stessa situazione in Serbia, in una guerra che
ha visto l’intervento diretto anche dell’Italia, complice il governo di sinistra di D’Alema. “Questo e quello per me pari sono”, non lo dimentichiamo !

Afghanistan – Gli Usa in Afghanistan stanno ancora utilizzando materiale bellico altamente tossico con conseguenze
devastanti per l’ecosistema naturale e per la salute degli abitanti, e degli stessi militari (compresi gli italiani) fortemente colpiti da malattie tumorali.

Afghanistan - Nonostante quanto rilevato dagli organismi internazionali, le forze anglo-americane e NATO continuano ad utilizzare munizioni all’uranio impoverito facendosi beffe di una specifica risoluzione O.N.U. che classifica tali proiettili come armi illegali di distruzione di massa. Lo stesso tipo di armi che l’entità sionista che occupa la Palestina ha usato durante l’ultima invasione del Libano.

Usa - Le minuscole particelle radioattive che si sprigionano quando un proiettile all’uranio impoverito colpisce l’obiettivo, vengono facilmente inalate anche attraverso le maschere antigas a Circa 10.000 veterani della“Guerra del golfo” sono morti per malattie tumorali.

Stati Uniti - Una ex infermiera dell’esercito americano, Carol Picon, ha raccolto un’estesa documentazione sulle malformazioni congenite riscontrate nella popolazione irachena e sui figli dei veterani statunitensi.

Stati Uniti - In “The Hidden Killers” è stato messo insieme un originale rapporto dall’Iraq e dalla Bosnia con le interviste ai veterani dell’esercito statunitense malati di tumore; un numero elevato di civili iracheni e bosniaci esposti all’uranio impoverito, hanno presentato gli stessi tipi di tumore dei veterani americani della “Guerra del golfo”.
Stati Uniti – Il governo statunitense si dovrebbe vergognare di questi crimini contro l’umanità, come pure
si dovrebbero vergognare anche i mezzi d’informazione italiani e stranieri che, pur essendo a conoscenza di quanto sta accadendo, censurano le notizie e continuano a sostenere le cosiddette “guerre umanitarie”.
Ipocriti, sepolcri imbiancati, come gli stessi governanti italiani di tutti i colori che mandano i nostri ragazzi a seminare morte e devastazione in paesi che non ci sono ostili, insieme ai criminali statunitensi e per gli interessi di quella cupola demo plutocratica giudaica-massonica che sta devastando e impoverendo i popoli e le nazioni
(Agenzia d’Informazione Islamica)

30 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie sempre Compagno Fulvio

rossoallosso ha detto...

Grazie per questo bel pacco bomba!!
A proposito di Monti e tutta la cricca ho anch'io una sorpresina che conferma, così come negli Stati Uniti, che a tempo indeterminato si ha la certezza solo della galera preventiva;

http://www.courtfool.info/it_MES_il_nuovo_dittatore_Europeo.htm

Anonimo ha detto...

Leggendo questi articoli si nota bene gli sviluppi di quello che succederà nei prossimi anni , esattamente quello che era riportato nella lettera del 15 agosto 1871 tra G.Mazzini e A.PIKE.
Ho ben a mente l'articolo di Grimaldi che lodava Mazzini di essere un grande patriota ,si ma di Lucifero(Licantropi) , caro Fulvio.

alex1 ha detto...

Ho letto in un link che le forze dell'ordine ha arrestato un presunto manifestante in Val di Susa perche' ad un controllo risultava in possesso di: mascherine, occhialini protettivi e di un farmaco contro la nausea ed i possibili effetti dei gas usati dalle forze dell'ordine. La notizia mi ha colpito perche' questo serve a far capire chi si intende per "violenti": non solo quelli che usano armi, bastoni o gas pericolosi per la salute, ma ...chi prova a resistere anche con la vera non violenza (cosa c'e' di meno violento nell'indossare occhialini protettivi ed usare una medicina per limitare gli effetti delle violenze altrui?).
Alessandro

fulvio ha detto...

Caro Alex, notizia fondamentale la tua. Io già stavo proponendo a tutti i futuri manifestanti anti-regime di munirsi di maschera antigas. Sanno bene, i nostri despoti, che con quella difesa dai gas, la loro arma più micidiale, è spuntata e tra sassi e manganelli rischiano di vincere i primi. Non esiste, per il regime, la non violenza in chi dice no, anche sussurrando. Tanto vale, eccetera...

All'Anonimo anti-Mazzini. Appunto, giustissimo, Lucifero vuol dire portatore di luce. E comunque l'accostamento con i licantropi non è né scientifico, né logico.

ventopiumoso ha detto...

in ottima forma, fulvio.

saprete tutti della posizione della cina (se l'iran viene attaccato, entriamo immediatamente in guerra al suo fianco) e della russia (navi in siria).

mi chiedo se basti, se terranno le posizioni e invece non se le rimangeranno come per la libia.

venti giorni fa ho proprio sognato questo (http://occhioclinico.blogspot.com/2011/11/notte-barbuta.html).

la luce?
e dove?
dove?

ps: sì beh a volte ci sono un po' di "deviazioni" dal discorso ma ci stanno di solito. io credo che a volte si debbano evidenziare di più le fonti. cioè, a convincerci a fra di noi non si fa fatica. ma convincere gli altri, è quasi impossibile. del resto sono bombardati dalla nascita dalla propaganda e spesso devono pensare a sopravvivere al proprio lavoro ed alla propria famiglia. andare contro il senso comune è un'impresa, e non basta dire "è così, credimi, io so, io c'ero".

rossoallosso ha detto...

le connessioni,come vederle?difficile è vero però basterebbe porsi qualche domanda non necessariamente ideologica,qualche elementare domanda cui dare elementare risposta,per esempio,visto che il presunto default italiano è imminente che c'entra l'allungamento dell'eta pensionabile col debito pubblico visto che i "benefici" lo stato li avrà solo fra qualche decennio?Mi viene spontaneo rispondere che Monti non lavori per il pubblico ma per il privato esattamente come il nano giullare.
Oppure perchè non chiedersi come mai in occidente si spinge il nucleare mentre all'Iran si vuole dichiare la guerra per lo stesso motivo?Un occidentale si è mai chiesto se è un diritto dell'iraniano avere il nucleare sentendosi minacciato esattamente come si sente l'israeliano che addirittura ha la bomba nucleare?
La risposta mi pare ovvia e tante ce ne sarebbero

alex1 ha detto...

Notizia dell'ultim'ora: la Russia ha presentato una risoluzione sulla Siria condannando "la violenza da entrambe le parti e il traffico di armi verso gli insorti". La Francia apre positivamente verso la risoluzione, sia pure richiede modifiche, ma altre fonti occidentali affermano che l'equiparazione delle violenze da entrambe le parti "e' inaccettabile" e che non ci sono "prove evidenti del traffico di armi versi gli "insorti" (non negano pero' che non ci siano traffici d'armi). Mi sembra che le premesse verso un dietrofront come sulla Libia comincino a delinearsi. Penso a quello stupido di rappresentante (o sedicente tale) del Fronte Popolare della Palestina, che affermava che "Nethaniau non vuole altro che la permanenza di Assad". Anche fosse vero (ma non mi sembra) mi risulta assurdo augurarsi la distruzione manu militari di una delle poche realta' che ospita decine di migliaia di palestinesi contrariamente ad altri paesi arabi (Giordania con "Settembre Nero", ed il democratico Kuwait che dopo la "liberazione" del 1991ne ha cacciati centomila in pieno deserto). Quale sarebbe il vantaggio dei Palestinesi dalla conquista della Siria da parte dei colonialisti?
Alessandro

Fulvio ha detto...

Alex 1
Quella frase su Netaniahu e Assad, non l'ha detto quello del FPLP, ma l'ambasciatore un po' cotto italiani in Libano. L'FPLP e i suoi rappresentanti italiani hanno cingottato cazzate sullo "Stato di polizia siriano" e, come tutte le altre organizzazioni palestinesi che si sono dichiarate contro Gheddafi, rivelano la decadenza di quelle forze politiche (un tempo, di combattimento)sia sulla falsariga del disfacimento della sinistra europea (quelli sedicenti di sinistra), sia per non perdere i quattrini dei satrapi arabi (gli altri).

Anonimo ha detto...

La tua lettura e' vera ed ingannevole allo stesso tempo.
Attento alla luce di Lucifero,caro Fulvio perche' sono tenebre !
Una preghiera in ricordo del bass8 !

maurizio

alex1 ha detto...

Scusa ho fatto confusione, fra l'altro e' un periodo che sono abbastanza stressato di mio. Comunque mi sorprendeva che un esponente di una formazione politica di rilievo abbia una visione cosi' miope. Fra l'altro notavo che la Palestina e' uscita completamente dall'agenda politica della sinistra, (mi ricordo che fino a otto - nove anni la CGIL invitava rappresentanti palestinesi nei comizi, oggi non avviene piu') salvo per un riconoscimento formale all'ONU come Bantu-stato senza poteri reali e "con il benestare di Israele e nella sua sicurezza".
Si sente parlare poco nei media degli avventimenti in Africa, peraltro importanti. Nessuna notizia dalla Libia, solo un trafiletto per "l'elezione" di Quattara in Costa D'Avorio, ma con il 36% dei votanti...
Alessandro

Anonimo ha detto...

sono sempre più inorridito dalle menzogne mediatiche di tutto il mainstream nazionale ed internazionale.
cento anni fà questo era impossibile che potesse accadere.
deduco quindi che la campagna di alfabetizzazione e acculturazione dei paesi occidentali non ha prodotto emancipazione e progresso, ma il suo esatto contrario.
e purtroppo siamo solo all'inizio.

mi chiedo, senza fare complesse analisi geopolitiche: ma come si può credere alla favola del salvataggio dal default il massacro dei lavoratori italiani sul terreno previdenziale? e tutto questo occultato dalla cortina fumogena politico-sindacale confederale?

la tolleranza democratica viene sempre meno.........

saluti

alberto

MDF ha detto...

Los años que vienen...

Spain: la larga cola del hambre. Pulsar "Entrar" en:

http://aims.selfip.org/spanish_revolution.htm

rossoallosso ha detto...

e così dopo la Cina che vendette la Serbia in nome del WTO anche la Russia la imita sacrificando la Siria.
questo oltre alle implicazioni ideologiche mi dice anche che in nome del mercato la geopolitica va a farsi fottere e in più mi dice anche che se veramente si volesse una alternativa le capacità contrattuali ci sarebbero ma vengono usate male.Tutto ciò e qui qualcuno non sarà daccordo per me è molto frustrante,difficile vedere una via d'uscita che non sia la rivolta del proletariato

Fulvio ha detto...

Rossoallosso: non vednere la pelle dell'orso prima di averlo catturato.
Quanto al proletariato, chi è oggi il proletariato? Forse è più apporpriato parlare del 99%, come fanno quelli di Occupy. Non è più la "classe operaia" che ci salverà.

rossoallosso ha detto...

@Fulvio
naturalmente spero di sbagliarmi ma rimango pessimista,sul proletariato è giusto,il proletariato oggi è quello che risparmia sull'ICI ;-)

babordo76 ha detto...

i svendipatria in servizio permanente che hanno affossato il socialismo attraverso la vecchia faccia del "socialismo umano",sono ricordati come eroi.Da noi.

Chi difende la sua nazione,il suo popolo,è un dittatore che quando muore assassinato dalle mafie al servizio dell'occidente o per cause naturali,è un sanguinario e farabutto,che sia gheddafi o kim sung

Io da bestiaccia rimpiango questi ultimi

alex1 ha detto...

Ecco nel messaggio della diplomazia inglese alla Corea del Nord per la scomparsa di Kim Jong II, "un momento di svolta per le necessarie aperture internazionali..." alla faccia della diplomazia. Un'altra notizia che puo' riaprire un'altro fronte di guerra in questo autunno veramente triste ( per me anche per motivi personali). Si potrebbe dire che gli inglesi che nel '50 attaccarono la Corea insieme agli USA usano la parola svolta come si intende a Roma, quando capita un colpo di fortuna. Certo gli inglesi, particolarmente "attivi" Non aspettavano altro, chissa se fra un anno gia' ci saranno "i democratici ribelli" in azione o nella migliore delle ipotesi una rivoluzione "colorata" stile Yushenko...
Alessandro

alex1 ha detto...

Scusate se intervengo di nuovo, ma sono per caso incocciato in un articolo di Milena Gabanelli scritto nel '93, nel quale la giornalista denuncia tutte le pressioni ed il discredito da parte di moltissimi giornali, associazioni, Vaticano ed altro nella sua esperienza di Vukovar di due anni prima, quando inviata via Belgrado dal direttore di Mixer Minoli testimonio' delle stragi degli ustascia (nella fattispecie quella dei bambini di cui si arrivo' a negare persino l'esistenza) e dei profughi che scappavano verso la Serbia, allora impero del male. Questo e' un passo che riporto, l'attacco di Avvenire:
-Sul fronte dei quotidiani mi
limito a citare l'Avvenire del 4 dicembre 1991: "Milena Gabanelli, serba, regista di professione, coniugata
con un italiano, inviata a Vukovar da "Mixer'' come giornalista (sic!) ... è stata condotta in tarda serata in uno
scantinato buio per farle intravedere cadaverini inesistenti di bimbi massacrati dai croati ... Quanto è stata
disgustosa quell'intervista che la nostra "giornalista" ha effettuato a una povera donna croata prigioniera,
con evidenti segni di violenza sul volto, torturata e costretta ad accusarsi di crimini non commessi. Quella di
Milena Gabanelli è stata una sporca propaganda serba ...". L'articolo è firmato da Giovanna Sopianac e
Maja Snajder. Io non ho pregiudizi verso i loro cognomi, ma sembrano indicare una origine diversa dalla
mia, italiana da sempre, e che metteva piede in Jugoslavia per la prima volta nella sua vita [2]. Ma
non è questo il punto, pare invece che essere serbi significhi "non diritto alla parola".-
Ritengo necessario riportare questo episodio alla memoria di tutti, io ho litigato all'epoca con parecchi conoscenti ed amici per questo vergognoso esempio che fu propedeutico alla campagna di bombardamento della Yugoslavia del '99.Io ero il visionario, il complottista, chi difendeva un regime stalinista e mangiabambini Oggi l'opinione pubblica mi sembra cosi' assuefatta da non pensare nemmeno all'informazione, passa tutto quello che e' main stream facile e di senso comune.
Alessandro

babordo76 ha detto...

ieri sera ho assistito a un classico esempio di informazione libera ,indipendente,umana
Il tg 5 ha preso per il culo pesantemente il popolo coreano ,mostrando immagini di alcuni cittadini in crisi per la morte del loro leader.
Chiaramente per la giornalista erano dei poveretti a cui il regime ha fatto il lavaggio del cervello.
Mah...io ho visto una folla di isterici a cui hanno fatto il lavaggio del cervello...Erano in America,e si picchiavano per entrare primi nei centri commerciali per il black friday
Come sempre siamo noi i più coglioni,intesi come occidentali e il tg 5 'na fogna disgustosa

Anonimo ha detto...

Essere e NON e$$ere. Il Lavoro è il capitale del Lavoro. Il capitale è la farina del Ziavolo. U-mano l'unico aniMale che tortura e bombarda solo perché ha parola e mani. Via la parola, via le mani e i di$truttori demoCIAU$tici hanno finito di ridere ed ammazzare. La Terra ci ringrazia anticipatamente per l'operazione di "pulizia" e Kim Jong Il pure! Lui è morto per un infarto, loro non si sa come moriranno. Forse il Cosmo li chiuderà come "Liber'azione, il ManiLesto, ecc ecc, che si sono suicidati iquli leccando! morgana

Fulvio ha detto...

Morgana, stavolta ci hai preso bene, e sei pure intellegibile.

DeepSilence ha detto...

Una domanda: la foto di monti è vera o un fotomontaggio?

Fulvio ha detto...

Deep Silence.
Mi sembrava ovvio che fosse un fotomontaggio, figuriamoci se il figuro di Bilerrberg, Trilateral e Goldman Sachs si faceva riprendere nelle sue vesti vere.
Lo rileva anche un altro interlocutore che mi accusa di "leggerezze". Ma sotto la foto non c'era scritto niente e l'ironia era evidente.

Fulvio Grimaldi ha detto...

Ciao Fulvio, in merito all'articolo "Connessioni: una faccia, una razza", la foto di monti vestito da massone è un fotomontaggio. Questa è quella originale:

http://www.ccsg.it/disney_evil/immagini/massone.jpg

Ti ritengo un ottimo giornalista e appunto per questo non voglio che si critichi il tuo lavoro a causa di simili leggerezze.

Con affetto,

Giorgio.

Filippo Bovo ha detto...

Non so se ricordate i titoli dei tabloid inglesi ed americani nei giorni seguenti alla morte di Gheddafi. Un tripudio generale. Immagini sanguinolenti e titoli del tipo "finalmente sei crepato" o roba del genere. E, ovviamente, un sacco di gente che leggeva, approvava e godeva.
E' triste vedere a cosa si sia ridotta l'opinione pubblica occidentale, vittima di un lavaggio del cervello e di una lobotomizzazione che secondo me hanno oltrepassato il punto di non ritorno: malattie e degenerazioni irreversibili.
Nei confronti di Kim Jong Il o del tumore di Chavez, infatti, i toni sono analogamente derisori ed entusiastici... Non vi è più neanche rispetto del dolore, nemmeno nella sua forma più esterna, distaccata ed ipocrita.
Ciao, Filippo

roberto ha detto...

Caro Fulvio, la foto del massone Monti truccato da massone è un fotomontaggio. Tutti i blog la stanno togliendo, non si sa mai....ti invio il link dove troverai l'originale:http://www.ccsg.it/disney_evil/immagini/massone.jpg
saluti.

roberto ha detto...

Chiedo scusa, Fulvio, non mi ero accorto che c'era chi ti aveva gia' segnalato che la foto era un fotomontaggio. Mi spiace, ho avuto fretta. Cancella il mio commento, grazie. Comunque bene, hai lettori attenti. Buon Natale

Anonimo ha detto...

Giorgio... anche x 1 provveduta come Me si vede che il verdemassone è un fotomontaggio con la Testa diC di MM!!!! una testa sopra però c'era... magari a MM si addice un colore diverso...dal verde lega!!!!
in ogni caso fa parte di New World Dis Order e si vede ché di economia non ci capisce un bene-amato!!!! la fata

giz ha detto...

Non metto minimamente in dubbio che monti lavori per certa gente, ma ho visto che molti si chiedevano se la foto fosse vera o no, quindi ho preferito farlo notare a fulvio.

Tutto qui.

Ne approfitto per augurare a tutti buone feste.

Giorgio